Graphic Novel


 

Nel 2014 ho pubblicato "Pertini fra le nuvole" scritto da Elettra Stamboulis, con la casa editrice BeccoGiallo.

 

Presentazione: 

Un Sandro Pertini "versatile e citazionista", seduto su una nuvola in un dialogo serrato con Andrea Pazienza: è l’espediente pop per ripercorrere la vita e l'impegno politico di un indimenticabile uomo, politico, partigiano. Anche da lassù, inquieto, l'ex Presidente della Repubblica vuole muoversi alla salvezza dell’Italia… La coppia Elettra Stamboulis e Gianluca Costantini, dopo "Cena con Gramsci" e "Arrivederci, Berlinguer", si cimenta in una biografia a fumetti su Pertini: l'approccio è, come sempre, innovativo e sorprendente sia nei testi che negli stili grafici in continua mutazione. Come i personaggi interpretati, nello scorrere delle pagine, dai due protagonisti.

“Paz? Ti voglio narrare l’abbiccì di come si diventa socialista. E soprattutto, come lo si resta".


“Paz? Ti voglio narrare l’abicì di come si diventa socialista. E soprattutto, come lo si resta.

 

Qui tutte le news: Link | Pinterest: Link


 

Nel 2014 ho pubblicato "Officina del macello, 1917 la decimazione della Brigata Catanzaro." scritto da Elettra Stamboulis, con la casa editrice Eris Edizioni.

 

Presentazione: 

Prima Guerra Mondiale. Il 1917 è il terzo anno di guerra, la realtà della trincea è chiara e atroce, molti soldati sono da tempo lontani da casa. Nel mese di giugno alla Brigata Catanzaro viene promesso un mese di riposo. Questi fanti sono contadini – molisani, calabresi, pugliesi e siciliani – figli della Questione meridionale, per la maggior parte analfabeti. Vogliono solo una pausa. Ma dopo essere arrivati da poco a Santa Maria la Longa, un piccolo paese del Friuli Venezia-Giulia, la promessa viene disattesa. Devono tornare in prima linea, a morire sul Carso, dove già erano stati impegnati a lungo. Gli uomini della Catanzaro non ci stanno. Officina del macello racconta di questo rifiuto e di come sia stato barbaramente punito. Il 16 luglio 1917, a Santa Maria La Longa un plotone di carabinieri esegue l’ordine ricevuto e procede alla decimazione della Brigata Catanzaro. Finisce così una delle più importanti rivolte scoppiate durante la Prima guerra Mondiale nell’esercito italiano. 

 

Qui tutte le news: Link | Pinterest: Link


 

Nel 2013 ho pubblicato "Arrivederci Berlinguer" scritto da Elettra Stamboulis, con la casa editrice Becco Giallo.

 

Presentazione: 

Giugno 1984. La mia prima manifestazione senza genitori. Ci sono milioni di persone. Éun funerale. Scossa dal ricordo di quel giorno, Elettra ricorda la propria iniziazione politica, legata indissolubilmente alla vicenda personale e politica di Enrico Berlinguer. La sua infanzia, insieme alla ricostruzione della storia d'Italia, restituiscono il paesaggio morale di un paese che ancora resiste: Berlinguer è un modello di passione politica autentica, di coerenza e impegno che ancora mobilità, capace di spingere i giovani d'oggi a diventare cittadini politicamente attivi.

 

Qui tutte le news: Link | Pinterest: Link


 

Nel 2013 ho pubblicato "Cattive abitudini" scritto da Emidio Clementi, con la casa editrice GIUDA edizioni. Collana Graphic Synthesizer

 

Presentazione: 

Cattive abitudini é il titolo del quinto album dei Massimo Volume che si trasforma grazie alla matita di Gianluca Costantini da traccia sonora a traccia disegnata.

Sono dodici canzoni che raccontano storie di personaggi ossessionati da peccati quotidiani, ai bordi del nazionale varietà, ai bordi della storia narrata dalla plagiata umanità, ai bordi di un letto in una stanza a cui non bussa nessuno. Si incontra Robert Lowell, il poeta americano cui è dedicato il primo brano, ma indirettamente Manuel Agnelli in Le nostre ore contate. I personaggi assumono caratteri, volti, sorrisi: diventano spettri fantasmatici, evocati dal tocco sornione di Costantini che cambia stile e ritmo con l’agilità di un gatto. I testi di Emidio “Mimì” Clementi smettono di essere parte di una musica, che ciascuno potrà anche in qualche modo sussurrare, e si trasformano in parte integrale di un fumetto che racconta storie che forse abbiamo intuito, ma certo prima non avevamo visto.

 

Qui tutte le news: Link


 

Nel 2013 ho pubblicato la II edizione del "L'ammaestratore di Istanbul" scritto da Elettra Stamboulis, con la casa editrice GIUDA edizioni. E come ebook in italiano e inglese per la casa editrice VandA epublishing.

Sito web ufficiale Link | Per acquistare l'ebook: link  | Per acquistare il libro: link

 

Presentazione: 

Un viaggio alla scoperta dell'intellettuale ottomano Osman Hamdi Bey nella moderna Istanbul, mentre nel Libano infuria l'ennesima guerra. Graphic Novel e diario di viaggio a fumetti, L'ammaestratore di Istanbul permette di scoprire la vicenda del più importante pittore figurativo di tradizione islamica, il primo a rappresentare le donne in modo naturalistico. Orientalista d'Oriente, Osman Hamdi fu anche archeologo, politico e fondatore delle più importanti istituzioni culturali passate poi alla Turchia. La narrazione diaristica, che segue anche le vicende personali dei due autori, è un raffinato ridisegnare i bordi di un Oriente più creato dall'Occidente che realmente esistito: così l'altro personaggio presente nel libro e che apre la storia è Edward Said, che ovviamente non conobbe Hamdi, ma il fumetto permette di immaginare questo impossibile incontro.

 

Qui tutte le news: Link


 

Nel 2013 ho pubblicato "BRONSON drawings", con la casa editrice GIUDA edizioni. Collana Graphic Synthesizer

 

Presentazione: 

Mentre fuori infuria la banalità del mondo, dentro c’è il Bronson: un luogo in cui band, artisti, solitari cantanti folk da tutto il mondo anelano di suonare: le istantanee registrazioni di questa energia di periferia è tutta sulla carta di Costantini. Gioca coi pennarelli, coi pastelli, coi bianchi e i neri, coi font, con Photoshop, rovescia le foto, le incolla, scrive, poi cancella, sporca il foglio con le dita nere di grafite e, coi suoi tipici tratti rapidi, riesce ad eseguire degli assoli di minimal-punk a china. China e qualche colore. Tricromie e bicromie che Gianluca compone maneggiandoli i colori come fossero strumenti. D’altronde giocare e suonare sono una sola parola: play, come scrive David Vecchiato nella post fazione. Si possono ascoltare con gli occhi gli Offlaga Disco Pax, Andrew Weatherall, i Givers, Dente, tutti riscritti. Tutti con una copertina immaginario rinnovata. Riletta, risuonata dal tratto di un divoratore di musica che però disegna. Un libro, che oltre ad essere una rassegna di un mood musicale e autoriale che ancora cerca un nome, forse unito dai luoghi più che dai suoni, racconta la storia di un’impresa che porta il nome di un’icona del cinema, il Bronson.

 

Qui tutte le news: Link

 


 

Nel 2012 ho pubblicato "Cena con Gramsci" scritto da Elettra Stamboulis, con la casa editrice BeccoGiallo. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. Ha ricevuto moltissime recensione tra cui quelle di: G. Vacca, Silvano Mezzavilla, M. Panari, Renato Pallavicini, Francesca Di Giorgio. Il libro è disponibile anche come ebook.

 

Presentazione: 

Di Gramsci non rimangono neanche le ceneri Un giovane studente, alle prese con la difficile vita del fuori sede, diventa interlocutore di due personaggi fantastici, allucinatori, che scompongono una storia d’ordinaria università in un viaggio alla ricerca delle radici e del senso delle parole di Antonio Gramsci, oggetto di studio, ma anche alter ego immaginario del protagonista. Nato da uno spettacolo teatrale, “Cena con Gramsci“ interroga il lettore proprio sulla permanenza e sulla possibilità dell’attualità dell’intellettuale sardo. Insieme a Pasolini, Gramsci è l’intellettuale del novecento più studiato e citato, nel mondo. Eppure la sua vicenda politica e personale lo ha storicamente bandito proprio in Italia qui l’identificazione con il PCI lo ha reso prima un soggetto “scomodo” e troppo di parte, poi l’ha fatto scomparire dagli scaffali insieme allo scioglimento del partito comunista.

 

Qui tutte le news: Link


 

Sempre nel 2011 ho pubblicato "Julian Assange dall'etica hacker a Wikileaks" scritto da Dario Morgante, con la casa editrice BeccoGiallo. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. Ha ricevuto moltissime recensione tra cui quelle di: Andrea Fanti, A. Beretta, D. Carmignani, Massimo Galletti, Luca Raffaelli, Francesco Mascagni, P. G. Cardone, R.A. Appetiti. Puoi guardare anche il Book Trailer. E' un progettto di lettura su Twitter #AssangeWikileaks. E' stato presentato al Festival del Giornalismo di Perugia link.

 

Presentazione: 

Il 5 aprile 2010, durante una conferenza stampa a Washington, WikiLeaks diffonde un video che mostra l’assassinio di almeno dodici civili iracheni, tra cui due giornalisti della Reuters, durante l’attacco di due elicotteri Apache americani. Da quel giorno, da quel video denominato “Collateral Murder”, WikiLeaks è diventato uno spauracchio costante per i governi di tutto il mondo. “Julian Assange & WikiLeaks” ricostruisce la storia di Julian Assange e dei suoi “complici”, attraversa due interi decenni di sfide informatiche, e risponde a molte delle domande che molti si fanno su WikiLeaks e sulla comunità che ha generato questa piattaforma: quella degli hacker.

 

Qui tutte le news: Link


Nel 2011 ho pubblicato "Macchina suprema" scritto da Giovanni Barbieri e disegnato insieme a Squaz e Armin Barducci , con la casa editrice GIUDA edizioni. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. All'interno del libro si possono leggere approfondimenti di: Elettra Stamboulis e Massimo Galletti e vedere un disegno omaggio di Ausonia. Lo studioso inglese Paul Gravett ne ha parlato nel suo sito web.

 

Presentazione: 

I tre autori diversissimi tra loro nello stile grafico, mettono il loro segno al servizio di una vicenda in cui si esplora proprio la ricerca del significato e del senso nei segni e nelle cose, in una rilettura psicanalitica dei mystery play medievali. Nell’originale plot di Giovanni Barbieri gli ingredienti ci sono tutti: l’abbandono, il ritorno, le strane alchimie del sogno che diventa vita, la vita che diviene sogno, specchi che si infrangono e fanno emergere disegni più reali della realtà. Questo materiale evocativo è tenuto insieme coerentemente dalla presenza di vari livelli linguistici e narrativi. La vicenda vede il protagonista Milos alla ricerca di un’unica legge suprema per la lettura del mondo. Insegue un ordine supremo, una via di cui non intravediamo i confini, ma che rimanda alle ricerche olistiche e assolute. Ma in questa storia di assoluto sembra esserci solo l’amore, che abbandona, illude, ritorna e si nasconde. E porta a follie perpetue o intermittenti. Di cui vediamo i segni sui muri e sui corpi. Un romanzo romantico, che si compone di diversi stili perché è composto di diverse materie, che solo prendendo forma rappresentata in diversi registri visivi poteva trovare completezza.


 

Nel 2009 ho pubblicato "Officina del macello" scritto da Elettra Stamboulis , con la casa editrice Edizioni del Vento. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. All'interno del libro si possono leggere approfondimenti di: Sergio Dini, Lorenzo Pasculli, Silvio Riondato, Giulia Sattolo, Massimo Vitale, Matteo Polo.
Una conferenza molto importante si è tenuta nell'Aula Magna della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Padova Sede di Treviso.

 

Presentazione: 

16 luglio 1917, Santa Maria La Longa. Un plotone di carabinieri esegue l’ordine del comando e procede alla barbara decimazione della Brigata Catanzaro. Nel 1919 il Generale Tommasi fu incaricato di raccogliere le notizie disponibili sul caso per fronteggiare un dibattito che però non ebbe mai inizio. Dopo “Ultimo - Storia ordinaria di guerra civile” (Edizioni del Vento, 2007), Gianluca Costantini affronta un nuovo episodio storico controverso: un’altra vicenda scomoda, mai del tutto chiarita.


Nel 2008 ho pubblicato "L'ammaestratore di Istanbul" scritto da Elettra Stamboulis , con la casa editrice Comma 22. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. Ha ricevuto moltissime recensione tra cui quelle di: S. Simoni, L. Raffaelli, A. Provinciali, G. Piccoli, V. Baroni, Joe Gordon, M. Marziani. Puoi sfogliare una antemprima su Issuu. Il sito ufficiale del libro è www.thetamerofistanbul.org

 

Presentazione: 

Ci sono ancora frontiere che il romanzo grafico può esplorare? Osman - L’ammaestratore di Istanbul dimostra che l’arte del fumetto ha ancora un ampio margine di generi e modalità narrative da sperimentare. Osman, a metà strada tra il diario di viaggio e il saggio d’arte, è il personaggio attorno al quale ruota la ricerca dei due autori. Egli fu per la cultura ciò che Mustafa Kemal detto Ataturk fu per la politica, ovvero un innovatore assoluto. Primo pittore islamico che ritrasse con modi naturalistici le donne, fu fondatore di musei, archeologo e uomo di cultura. Tuttavia egli non compare nelle storie dell’arte europee. Ha subito una sorta di censura o di omissione involontaria. Questo è il primo libro che racconta in forma di romanzo la storia di questo importante intellettuale Il titolo riprende quello del quadro più famoso di Osman Hamdi, considerato la “Monna Lisa” della pittura turca. La ricerca delle tracce della sua biografia è il tessuto narrativo di questo racconto, che è anche una guida alternativa alla conoscenza di un Paese e di una città, Istanbul, visti con gli occhi di chi osserva questa parte di terra con occhi uno sguardo che pone domande, mentre al confine infuriava l’ultima guerra del Libano.


 

Sempre nel 2007 ho pubblicato "Ultimo. Storia ordinaria di guerra civile" scritto da Andrea Colombari e Saturno Carnoli, con la casa editrice Edizioni Del Vento. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. Ha ricevuto moltissime recensione tra cui quelle di: A. Trivellato, A. Montanari, V. Rivalta, L. Sancini, F. Pellerano, Michele Serra, Vittore Baroni, Luca Raffaelli, Wu Ming Foundation, Francesco Boille,
Puoi leggere gratuitamente il libro su Issuu e su Scribd. Puoi guardare anche il Book Trailer.

Presentazione: 

A Malacappa (Bologna), il 22 aprile 1945, poco prima di mezzogiorno vengono assassinati Leandro Arpinati, classe 1892, di Civitella di Romagna, e il suo amico di sempre, Torquato Nanni, classe 1888, di Santa Sofia. Tranne i familiari nessuno pianse la loro scomparsa. I loro nomi non compaiono in nessuna lista di caduti, come se non fossero morti, come se non fossero mai esistiti. Se ne rallegrarono fascisti e antifascisti. Perché?


 

Nel 2007 ho pubblicato "Diario di un qualunquista" contenente i disegni politici usciti dal 2004 al 2006, con la casa editrice Fernandel. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. Ha ricevuto moltissime recensione tra cui quelle di: Francesco Boille, David Vecchiato, Vittore Baroni, Manuel Graziani, Alessandra Monica, Federica Angelini  Ascolta l'intervista a Radio Città del Capo. Maggiori informazioni anche su Google Books.

 

Presentazione: 

Ma i disegnatori non erano dei qualunquisti? Persone incapaci di interessarsi seriamente alle vicende del mondo e altrettanto incapaci di raccontare la politica e la vita sociale? Con questo titolo provocatorio Gianluca Costantini raccoglie 150 tavole illustrate nelle quali si raccontano alcuni episodi degli ultimi tre anni di politica internazionale; tre anni di storie, di notizie, di immagini e di parole. Con tratti secchi, puliti e nervosi l’autore analizza fatti salienti e vicende minime, passando per l’Iraq, Haiti e Tuzla. Dal sequestro di Clementina Cantoni alle contraddizioni della politica italiana, Costantini disegna un presente in cui l’uomo comune è ancora vittima della violenza e dell’odio, e costantemente a rischio di manipolazione mediatica. Un mondo in cui la globalizzazione dei mercati si realizza nella sistematica violazione dei diritti umani, e sempre per le stesse meschine ragioni di potere. Introduzione di Daniele Brolli.


 

Nel 2006 ho pubblicato il mio primo Graphic Novel "Vorrei incontrarti" con la casa editrice Fernandel. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. Ha ricevuto moltissime recensione tra cui quelle di: Sergio Nazzaro, Dario Goffredo, Monica Maggiore, Eliana Forcignanò, Ettore Gabrielli, Vittore Baroni, Giancarlo Ascari. Maggiori informazioni anche su Google Books.

 

Presentazione: Il romanzo disegnato da Costantini è un racconto a metà tra il monologo di Mrs Dalloway e il racconto illustrato, dove le immagini costituiscono la struttura per un morbido flusso di coscienza. L’autore racconta dieci anni della sua vita in cui abitano l’amore, il desiderio, il conflitto generazionale, il viaggio e la provincia. Non dieci anni qualunque ma il delicato passaggio dall’adolescenza alla vita adulta, quella “linea d’ombra” che tanti romanzi di formazione hanno cercato di cogliere. Vorrei incontrarti è un originale esempio di romanzo di formazione a fumetti, nel quale l’evidente autobiografismo mette a nudo incertezze e paure di un adolescente. I lettori di fumetti, che sono in particolare giovani e adolescenti, potranno facilmente riconoscersi in un percorso che inevitabilmente li rappresenta. Costantini scrive per immagini, usando citazioni e figure dell’immaginario di cui si nutre la memoria di tutti noi, in un contesto in cui ciascuno può trovare la sua citazione amica, la sua immagine di riferimento, il suo brandello di memoria dimenticata. «Credi che tutto si possa fermare in modo rumoroso, brutale e volgare?», si chiede. La sua rincorsa lenta è il tentativo di fermare con dolcezza e trattenere quanto di norma ci scivola tra le mani.


Libri d'artista


 

Nel 2009 in occasione del Salon du dessin contemporain di Parigi, ho pubblicato "Daily Iraq" , con la casa editrice LibriAparte. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. All'interno è possibile leggere un testo critico di Elettra Stamboulis. Qui è possibile vedere le foto dell'esposizione parigina link.

 

Presentazione: 

Gianluca Costantini racconta nel suo stile ormai unico e inconfondibile alcune delle ultime vicende dell'Iraq contemporaneo. In una ventina di tavole a colori costruisce una galleria di immagini dai precisi riferimenti storici e politici. L'autore sceglie di disegnare direttamente sulle pagine del libro di inzio novecento Griechische Bildwerke di Max Sauerland dedicato alla scultura greca classica. Le fotografie delle sculture diventano lo sfondo formale e storico su cui sviluppa il segno, a volte complicandolo con l'ulteriore aggiunta di alcune fotografie di cronaca. L'Antichità e il presente, il racconto e il reportage, il disegno e la fotografia si fondo in un unico complesso quadro in cui nascono sorprendeti accostamenti e rimandi secondo una moltiplicazione e stratificazione continua. Il catalogo raccoglie le venti tavole accompagnate dal testo Dionisio in Iraq di Elettra Stamboulis.


 

Nel 2009 in occasione del Salon du dessin contemporain di Parigi, ho pubblicato "Untitled Drawing Art" , con la casa editrice LibriAparte. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. All'interno è possibile leggere un'intervista di Viola Giacometti. Qui è possibile vedere le foto dell'esposizione parigina link.

Una parte dei disegni sono stati esposti alla mostra “Storie dall’Arte”, Perugia, Palazzo della Pennanel 2011. Mostra curata da Antonio Senatore e Critina Maiocchi.

 

Presentazione: 

Untitled drawing art è l'ultimo progetto artistico di Gianluca Costantini, disegnatore e fumettista poliedrico, autore di diversi libri a fumetti e direttore della rivista InguineMAH!gazine. Untitled drawing art è letteralmente un'enciclopedia grafica dell'arte contemporanea, una press-release disegnata, dedicata alle pubblicità, al mercato, alle mostre e ai protagonisti del mondo dell'arte; un progetto di 2000 disegni a china realizzati su fogli a modulo continuo dove si posso trovare pagine dedicate a Maurizio Cattelan come a Takeshi Marakami, a Gagosian e Chris Marker, alle aste di Sotheby's e le copertine di FlashArt o Artforum. Il libro raccoglie i primi 45 disegni del progetto e una breve intervista all'autore. www.untitled.org.uk


Libri di viaggio


 

Nel 2009 ho pubblicato "Porto dei santi", con la casa editrice Purple Press. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. All'interno è possibile leggere anche una introduzione scritta da Elettra Stamboulis, dal titolo "Esorcismo mediante disegno".

Alcuni disegni di viaggio possono essere visti anche qui Link.

 

Presentazione: 

Che cosa resta delle nostre visioni di viaggio. Il disegnatore Costantini traccia la propria mappa della memoria visiva come forma scaramantica per evitare la dispersione dello sguardo. Quella che ci viene mostrata è una geografia dell’attimo, un porto segreto per santi viaggiatori. Il segno calligrafico attra- versa lo spazio e incontriamo Bologna, Kos, la tomba di William Blake e gli ostinati telecomandi delle stanze di Hotel del vecchio continente. Una popolosa selva di immagini poetiche e sintetiche al tempo stesso per viaggiare nello sguardo altrui a poca spesa.


Cataloghi


 

Nel 2008 ho pubblicato "Sangue in Algeria", in occasione della mostra omonima tenutasi alla Galleria Miomao di Perugia. Il catalogo è stato editato dalla Galleria Miomao. All'interno è possibile leggere anche una introduzione scritta da Tahar Lamri.

E' possibile leggere il libro su Issuu e su Scribd. E' possibile anche vedere un making of su Issuu. In questo link le foto della mostra di Perugia.

 

Presentazione: 

Gianluca Costantini in questa serie di disegni trasforma le foto, il “reportage fotografico”, attraverso un lavoro di memoria e di reinvenzione, e riscrive i disegni, tracciando delle didascalie che sono parte integrante del disegno stesso, in un motto di ribellione contro il verbo “leggere” applicato al fumetto. Fa scoppiare le nuvolette e ci fa entrare nella storia a lungo occultata della guerra di liberazione algerina, con sequenze al confine fra il fumetto, inteso come tracciato dai contorni netti, e la miniatura, nella non-riconoscibilità-riconoscibilità dei personaggi, con la calligrafia, arte islamica per eccellenza e l’omogeneità delle icone dell’arte sacra.