Nuri Kurtcebe | Free - Özgürlük



Senior comic book artist arrested w/ routine, ridiculous claim of "insulting the president". Kurtcabe, suffering from various medical conditions, needs int'l attention ASAP. #Turkey lacks freedom of exp. severely.



Pacchia! Soumaila Sacko



Vibo Valentia - Colonne di fumo si alzano dalla vecchia tendopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria, dove i migranti nella tarda serata di domenica hanno appiccato fuoco a copertoni e rifiuti di ogni tipo. I migranti non hanno lasciato avvicinare nè i vigili del fuoco, nè le forze dell'ordine. Si teme una reazione all'omicidio di Soumaila Sacko, il migrante maliano di 29 anni ucciso da una delle fucilate che hanno ferito altre due persone. Oggi l'Unione sindacale di base ha indetto una giornata di sciopero dei braccianti. Continua


La rappresentazione illustrata dei fatti: l’esperienza del Graphic Journalism italiano


Elettra Stamboulis e Gianluca Costantini al Festival del Giornalismo "Leali delle notizie"
con Matteo Stefanelli e Claudio Calia.
Venerdì 8 giugno, Ronchi dei Legionari.

 

Il Festival del Giornalismo a Ronchi dei Legionari (Trieste), tra i principali eventi della stagione estiva dedicati al mondo dell’informazione nel Nord Est, dedica quest’anno un’attenzione speciale al fumetto.

Dal 5 al 9 giugno, la manifestazione, giunta alla quarta edizione, propone diverse mostre e incontri dedicati al rapporto tra mondo del giornalismo e pubblico delle notizie, con ospiti quali Antonio Caprarica, Marco Tarquinio, Emanuela Bonchino e numerosi altri giornalisti.

Da quest’anno, inoltre, il festival inaugura un premio dedicato a Daphne Caruana Galizia, la giornalista maltese uccisa in un attentato nell’ottobre 2017, destinato a un operatore del mondo dell’informazione che si sia distinto con le sue inchieste e ricerche, in Italia o all’estero, mettendo a repentaglio la propria vita o quella della propria famiglia.

Il fumetto, e in particolare il filone del graphic journalism, sarà uno dei temi portanti dell’edizione 2018. L’ospite principale è Vittorio Giardino, che terrà una serie di incontri sul fumetto e presenterà Il libraio di Praga, parte conclusiva della trilogia dedicata a Jonas Fink da poco raccolta in volume da Rizzoli Lizard. I fumettisti Claudio Calia, Gianluca Costantini ed Elettra Stamboulis, invece, terranno una discussione sull’evoluzione e le dinamiche del graphic journalism. Continua


Portrait of Rafa Nadal | Roland Garros 2018


If you are playing bad you are going to lose here, on clay, in ice, or on the beach! Rafa Nadal

Article:  "Rafael Nadal: Who can stop the 'King of Clay' at the French Open?"  

By Ravi Ubha, CNN


It was a nightmare - Yiannis Boutaris



The mayor of Greece's second-largest city Thessaloniki has been treated in hospital after being beaten up by about a dozen people, officials say.

Yiannis Boutaris, 75, was kicked in the head and legs and beaten with bottles by a group of nationalists angry over his appearance at a remembrance event.

The mayor, who is known for his anti-nationalist views, was attending a ceremony to mark the killing of ethnic Greeks by Turks in World War One.

Politicians have condemned the attack.

A dozen people approached Mr Boutaris demanding he leave a flag-lowering ceremony in Thessaloniki on Saturday to mark what is known in Greece as the "Pontic Genocide", Thessaloniki city council president Calypso Goula said.

Ms Goula, who was also attending the event, described seeing several men throw bottles at Mr Boutaris and kicking the mayor in the head and legs after he had fallen down. Continue in BBC


We have a terrible dilemma in Nicaragua - Bianca Jagger



 There are crisis talks in Nicaragua between the embattled long-time leader, Daniel Ortega, and a coalition of critics. Dozens of people have been killed in protests. Most of them, it is alleged, at the hands of the authorities. The human rights activist and actor, Bianca Jagger was born in Nicaragua. 

Human rights activist Bianca Jagger leads a march in her native Nicaragua. Continue


Free Amal Fathy



Free Amal Fathy


Matteo Smoilis, morto di lavoro


Infortunio mortale nell'area di Fincantieri, a Monfalcone. Per cause in corso di accertamento da parte della polizia di Stato del Commissariato di Monfalcone, intervenuta sul posto dopo l'allarme, un ragazzo di 19 anni che stava operando all'interno della zona dei cantieri navali è rimasto schiacciato da un elemento metallico. Continua


Make Europe Great for #MEGA


In the frame of the campaign, we are working closely with Gianluca Costantini. Gianluca a.k.a Channeldrawis an activist and artist who for years fought his battles through the drawing. As he says on his website: “Everything is art, everything is political”

Below you can download the drawings made by Gianluca, based on his own feeling and approach towards the campaign and the Future of Europe. https://megacampaign.eu/ | | https://civic-forum.eu




Make Europe Great for All campaign is promoted by a vast network of civic associations and movements mobilised by the European Civic Forum and comes at a juncture in time when the belief in the ability of the European project to insure collective well-being has been seriously fractured and undermined by a decade of crisis, EU policies which do not properly address social needs and populist responses by nationalist, xenophobic and authoritarian forces.

 

While, according to Eurobarometer figures, 48% of the Europeans are dissatisfied with the way democracy works in their countries and barely one out of two European citizens is optimistic about the future of the EU (56%), the demands expressed in the campaign Manifesto reflect our collective vision for a European Union that puts common good before economic interests and guarantees access to fundamental rights for all its inhabitants.

 

We aim to engage a wide network of civic organisations and movements, local communities, human rights defenders, journalists, trade unions and businesses who share our values in a two-years pan-European process of defining what should the Future of Europe look like. The MEGA campaign will provide an open and democratic space to think collectively upon these challenges and reclaim a democratic, just and inclusive way out of this deadlock by:

# putting democracy and civic participation at the core of the European debate

# raising awareness about the role of civil society organisations and movements in democratic processes and in society

# empowering activists to speak better and louder to promote openness and tolerance, transmit the values that guide our work, combat Euroscepticism and demystify xenophobic and nationalist narratives.

Together will all those who wish to join us in this endeavor, we will to draw up our wish list of actions the EU institutions need to undertake, we will formulate claims to future candidates running for a term in the next European elections, we will more generally feed into the public space with proposals for more democracy, solidarity, equality, inclusiveness.

 

If you share our concerns and want to take action, join the conversation forum, label your events and make them visible to the MEGA community, join our future events and actions. https://megacampaign.eu/


How many people still have to disappear? Shady Abu Zeid


State security forces arrested  Shady Abu Zeid from his home at dawn today, Shady worked on the TV program  Abla Fahita , and so far is not known his place.



Je suis Afrin! su Il bene Comune


Abdullah Öcalan, il leader curdo che il suo popolo chiama amorevolmente “Apo”, padre buono, è nato ad Omerli, nel Kurdistan turco, il 4 aprile del 1948. Nel 1971, in seguito ad un golpe militare lasciò la facoltà di scienze politiche che frequentava all’Università di Ankara e si arruolò nel servizio civile a Diyarbakir. Nel 1978 fondò il PKK (partito curdo dei lavoratori) e nel 1984 intraprese la lotta armata contro la Turchia, l’Iran e l’Iraq, con l’obiettivo di creare uno Stato indipendente per il suo popolo diviso e assoggettato all’indomani della prima guerra mondiale.

 

Dal 1998 i rapporti fra Siria e Turchia si fecero tesi perché quest’ultima costruì una serie di dighe per imbrigliare l’acqua del fiume Eufrate e la Siria, nonostante avesse visto di buon occhio la nascita del PKK, per non far deflagrare i rapporti con la potente Turchia confinante, intimò ad Ocalan di lasciare il suo territorio, dov’era rifugiato.

 

Da allora per il leader curdo cominciò un’odissea per farsi concedere l’asilo politico; riparò prima in Russia da dove fu espulso dopo pochi giorni e il 12 novembre 1998 arrivò a Roma, accompagnato dal deputato di Rifondazione Comunista Ramon Mantovani, che aveva avuto assicurazione dal Governo D’Alema che il presidente curdo sarebbe stato accolto nel nostro Paese. Continua


Graphic Journalism: un nuovo modo di raccontare


All'interno del Festival "Gramsci in Città", la Fondazione Istituto piemontese Antonio Gramsci presenta il seminario: "Graphic Journalism: un nuovo modo di raccontare, un nuovo modo di divulgare"

Con Hamilton Santhià e Gianluca Costantini

Sabato 5 maggio alle 16:30 al Polo del '900, sala Conferenze di Palazzo San Celso (Corso Valdocco 4/a)

Negli ultimi anni il graphic journalism è diventato uno dei mezzi di comunicazione più efficaci per divulgare e raccontare storie. In particolare, il medium sta riscuotendo una particolare fortuna nel racconto di situazioni delicate in zone di conflitto spesso lontano dai riflettori dei media tradizionali, diventando quindi un mezzo di divulgazione anche politica e culturale. Ne parliamo con Gianluca Costantini, artista attivista e Hamilton Santià (giornalista).


Ján Kuciak #PressFreedom


Nobody should pay the highest price for living in freedom!


Gauri Lankesh - Murdered


Journalist Gauri Lankesh, known critic of Hindu right-wing extremism, murdered

This is not the death of a journalist, but the death of democracy and constitutional values. (KL Ashok)

The Karnataka Police is tracing the killers of senior Kannada journalist, Gauri Lankesh, a critic of Hindu extremism, who was shot dead at her house in Bengaluru on Tuesday evening.

“The three special teams set up to crack the case are on the lookout for the suspected assailants. We are taking the movements of people and vehicles at check posts and inter-state borders,” deputy commissioner of police (West) M N Anucheth told IANS in Bengaluru.

According to the police, at least three suspects were involved and Lankesh was found dead on her verandah around 8pm with bullet wounds to her head and chest. Television reports said seven bullets were fired at her and three hit her.

Lankesh, 55, was the daughter of famous poet-turned-journalist P Lankesh. She was the editor of Gauri Lankesh Patrike, writing often against Sangh organisations and communal violence in the country. Continue


Mohamed Salah Named Footbal Writers' Association's footballer of the year.


Very fortunate to be adding another award in my first season playing with this great group of players!

Salah Named Footbal Writers' Association's footballer of the year.

Mohamed Salah 


The tragedy is not only that people have lost their lives. Ai Weiwei


The tragedy is not only that people have lost their lives.

The tragedy is the people who, in the very rich nations, have lost their humanity.

Ai weiwei 

Continue


Freedom for Bahrain Women



Drawings archive for Bahrain: Link




Femi Fani-Kayode (FFK) ‏



Nnamdi Kanu spoke against the slaughter of the Igbo, you arrested him. El Zak Zaky spoke against the slaughter of the Shiites, you arrested him. Teshaku spoke against the slaughter of the Tiv, you arrested him.

Yours is the black heart of a monstrous and bloodthirsty tyrant!

Femi Fani-Kayode (FFK) ‏




Afghanistan, through the lens of Shah Marai



At least 25 people were killed, including Agence France-Presse chief photographer for Afghanistan Shah Marai and eight other journalists, when two suicide blasts ripped through Kabul on Monday.

The attacks, claimed by the Islamic State group, are the deadliest to have targeted the media in Afghanistan since the fall of the Taliban in 2001, according to Reporters Without Borders. Continue




North and South Korean leaders hold historic summit



South Korean President Moon will travel to Pyongyang later this year, according to the statement released by his office following the summit.

Moon and Kim also agreed to a host of other measures in the agreement they signed.

 

Here are some of them:

North and South Korea will establish a "joint liaison office" in the Kaesong region, where the two countries used to operate an industrial complex.

The two sides agreed to "encourage more active cooperation, exchanges, visits and contacts at all levels in order to rejuvenate the sense of national reconciliation and unity."

Both countries will hold a special meeting on June 15.

North and South Korea will jointly participate in international sporting events like the Asian Games, which will be held this year in Indonesia.

The two countries will hold reunions for families separated by the division of the Korean Peninsula on August 15.

Both sides agreed to stop blasting propaganda through loudspeakers on the border.

North and South Korea agreed to meetings between defense ministers. Continue


Free Palestine!



Cittadinanza a tutti i bambini migranti malati | Elfie Evans



Grazie per la cittadinanza Stato italiano, ora però dai la cittadinanza a tutti i bambini migranti malati che arrivano in Italia! Alfie Evans


Transnational List Council Meeting II | Lisbon



The historic Transnational List Council launched last month in Naples will meet again next week in Lisbon. Right on the anniversary of the country’s Carnation Revolution, the list’s co-founders, as well as observers representing various political forces from across Europe, will gather again to continue developing the pioneer effort to present a united political front in next year’s European Parliament Elections.

The second collective meeting among the founding members of Europe’s first transnational political list will take place on Thursday, April 26 at Lisbon’s Biblioteca de São Lázaro.

 

Among the various items on the meeting’s agenda, the Council will be deciding on a name for the common list, and will hold a political discussion on the list’s relation to other movements, parties, and 2019 lists with input from attending observers. In addition, the transnational list’s Provisional Governing Council will vote on an Ethical Code – Declaration of Standards, the list’s candidates to the European Parliamentary elections are bound to observe. The group will also continue discussing and developing the list’s political program based on the agreed pillars in the founding meeting in Naples. Continue


No foto del cimitero, per favore! Paola, la mamma di Giulio



 

Sono la mamma Paola, nessuna strumentalizzazione su Giulio, chi va a trovarlo al cimitero non si fa la foto che non abbiamo mai voluto, fatto gravissimo. Paola Deffendi Regeni #veritapergiulioregeni



Hanyie Maleki and her father got refugee status



Afghan father and daughter Abrahim and Hanyie Maleki officially received a status as refugees in Iceland yesterday at the Directorate of Immigration. Twelve-year-old Hanyie made world headlines when 300 Icelanders threw a birthday party for her to defy plans to deport her last August. 

"I feel so safe," was the first thing Hanyie said upon hearing the conclusion of the meeting yesterday.  Their friend Guðmundur Karl Karlsson said speaking to mbl.is, "They're so happy. They want to express their thanks to the whole Icelandic nation and will somehow try to do that themselves." 

On September 11th last year they had received the news that they were to be deported. Hanyie had been urged to say goodbye to her friends at school and told she was to be deported to Germany three days later. Continue


Il manifesto di POLIS Teatro Festival



Nasce POLIS Teatro Festival, un evento che con cadenza annuale animerà la città di Ravenna concentrandosi sull’arte dell’attore-performer come fulcro ardente della relazione con lo spettatore, del teatro con la società.

Sin dalla prima edizione POLIS dissemina spettacoli, incontri ed esperienze partecipative, per offrire alla cittadinanza la possibilità di entrare in contatto con quelli che nella polis antica venivano chiamati i tecnici di Dioniso, ovvero coloro che attraverso l’arte teatrale, trasmessa per contagio da un dio, portavano i cittadini a condividere uno spazio e un tempo di riflessione sul presente.

Non grandi allestimenti, ma grandi performance, che per farsi specchio della società, non hanno bisogno di cornici dorate.

Un teatro inteso nel suo senso più ampio e accogliente, senza distinzioni tra generi e generazioni, all’insegna della contaminazione non soltanto dei linguaggi, ma anche dei pubblici, per superare insieme inutili distinzioni e riavvicinare quest’arte viva alla collettività.

 

Umberto Orsini e Giovanna Marini

ErosAntEros

Teatro delle Albe

Odin Teatret

Marco De Marinis

Marzia Bondoli Nielsen

Teatro Alighieri

Biblioteca Classense

 

http://polisteatrofestival.org | http://erosanteros.org


LiberiTutti contro il maltrattamento infantile in Italia | Cesvi



Grazie al tuo aiuto Cesvi può liberare tanti bambini dalla spirale della paura e dalla solitudine, donando loro fiducia e protezione.

Sostieni Cesvi nella lotta al maltrattamento e alla trascuratezza infantile. Proteggi ora un bambino dagli abusi e dai maltrattamenti.

www.cesvi.org/liberitutti


Bang! @realDonaldTrump





Roma Victory is your





ELGOOGO presenta a Londra il suo piano di counter speech




Martedì 10 aprile la presidente di Sole Luna Doc Film FestivalLucia Gotti Venturato, presenta a Londra gli esiti del progetto GOOGLE POLICY FELLOWSHIP all’interno del quale l’associazione, è stata selezionata tra migliaia di organizzazioni in tutto il mondo per proporre un’azione di counter speech, contro il discorso dell’odio online.

 

L’hate speech, è un fenomeno diffusissimo nel mondo digitale e che costituisce attualmente uno dei più caldi temi a livello globale. Il discorso di incitamento all’odio è una minaccia per la pace e diversi attori sociali, tra cui aziende, ricercatori ed istituzioni, si stanno interrogando allo scopo di preservare il rispetto tra gli utenti online e la libertà di espressione, uno dei principi cardine della società liberale.

 

Lucia Gotti Venturato presenta a Londra il lavoro di ricerca e di analisi del discorso di incitamento all’odio in rete svolto da una giovane studiosa di origine nepalese, Rose Suman, che ha avuto la possibilità di collaborare con Sole Luna, di apprendere e di accedere al ricchissimo archivio cinematografico dell’associazione. Dalla ricerca online, svolta attraverso l’alias digitale ELGOOGO, detective virtuale impegnato nell’indagine sull’hate speech, sono emerse una serie di soluzioni e proposte di azioni positive di counter-speech capaci di contrastare l’odio, che sono state molto apprezzate dal team di Google e che sono presentate a Londra al GOOGLE POLICY FELLOWSHIP SUMMIT, nel corso del quale si incontrano ricercatori e studiosi provenienti da tutto il mondo.

L’associazione Sole Luna Doc Film Festival si configura in Italia come uno dei più significativi esempi di counter speech per il lavoro di sensibilizzazione sui temi del dialogo e dei diritti umani. Per questo motivo l’associazione è stata scelta da Google Italia per ospitare Attraverso ELGOOGO, il detective virtuale, Rose ha raccontato la sua esperienza, ha trasmesso i suoi pensieri e ha studiato le reazioni degli utenti in rete.

 

Leggi il report finale Google Policy Fellowship di Sole Luna Un Ponte Tra Le Culture.

Visita la pagina di ELGOOGO 

 

(Illustrazioni di Gianluca Costantini)



Where is humanity? | Douma, Syria

This image made from video released by the Syrian Civil Defense White Helmets, which has been authenticated based on its contents and other AP reporting, shows a medical worker giving toddlers oxygen through respirators following an alleged poison gas attack in the opposition-held town of Douma, in eastern Ghouta, near Damascus, Syria, Sunday, April 8, 2018. Syrian opposition activists and rescuers said Sunday that a poison gas attack on a rebel-held town near the capital. The Syrian government denied the allegations, which could not be independently verified. (Syrian Civil Defense White Helmets via AP) Continue


Il terzo spazio Oltre establishment e populismo


Presentazione del libro Il terzo spazio Oltre establishment e populismo di Yanis Varoufakis e Lorenzo Marsili.

 

  • 12 aprile - Il collettivo territoriale DiEM25 Bari1 invita tutte e tutti alla presentazione del libro di Lorenzo Marsili e Yanis Varoufakis “Il Terzo Spazio: oltre establishment e populismo”. Saranno presenti, oltre a Lorenzo Marsili (tra i fondatori di DiEM25), Maria Laterza, Claudio Riccio e Andrea Serra. Ore 19:00, allo spazio Tetris, in via Francesco Saverio Abbrescia, 13 a Bari. 
  • 13 aprile - Il collettivo territoriale DiEM25 Taranto1 invita tutte e tutti alla presentazione del libro di Lorenzo Marsili e Yanis Varoufakis “Il Terzo Spazio: oltre establishment e populismo”. Saranno presenti, oltre a Lorenzo Marsili (tra i fondatori di DiEM25), Simone Calienno, Francesco Ferri, Paola Casella e Vincenzo Fornaro. Ore 18:00, al Centro della Fotografia in via Plinio, 85 a Taranto. 
  • 14 aprile - Il collettivo territoriale DiEM25 Lecce1 invita tutte e tutti alla presentazione del libro di Lorenzo Marsili e Yanis Varoufakis “Il Terzo Spazio: oltre establishment e populismo”. Saranno presenti, oltre a Lorenzo Marsili (tra i fondatori di DiEM25), Alessandra Lupo, Michele Carducci, Guglielmo Forges, Andrea Serra e Chiara Madaro. Ore 18:00, nella sede di Lecce Bene Comune, in via Siracusa, 110 a Lecce.

Portrait of a Syrian family after a chemical attack Douma

Father tries to protect his wife and baby before they succumb to chemicals in the basement of a home in Douma, Eastern Ghouta. The image that shames us all. Text: Josie Ensor (Middle East Correspondent based in Beirut for the Telegraph.)


Yaser Murtaja | He was 30-years-old and was shot down by an Israeli Sniper while attempting to do his job

Yaser Murtaja was a filmmaker and the founder of Ain Media, a media and Art Agency which sought to tell the reality of life in Gaza. He was 30-years-old and was shot down by an Israeli Sniper while attempting to do his job. 


I nuovi linguaggi del graphic journalism: dal reportage a fumetti al political comic #ijf18

Un dibattito sull'evoluzione del linguaggio giornalistico nell'era dell'informazione per immagini. Alla presenza di giornalisti, illustratori e graphic journalist si vuole porre l'attenzione sulle nuove forme di racconto giornalistico attraverso il disegno d'autore, focalizzando l'attenzione su temi sociali, migrazione, multiculturalità e diritti umani. Il dibattito vuole essere un'occasione di incontro interdisciplinare, dove giornalismo ed editoria illustrata dialogano nel tentativo di sperimentare oggi nuove strategie di indagine sociale e racconto comunitario. www.festivaldelgiornalismo.com

 

Con: Lelio Bonaccorso, Claudia Brunetto, Gianluca Costantini, Marta Occhipinti e Elettra Stamboulis

 

15:30 - 17:00  domenica 15 aprile 2018 

Sala del Dottorato, Perugia



HRW Film Festival in Toronto, Canada

Gianluca Costantini draws for: Human Right Watch Festival in Toronto. 18 -25 aprile 2018
https://ff.hrw.org | https://www.tiff.net

 

Human Rights Watch is one of the world’s leading independent organizations dedicated to defending and protecting human rights. We work tenaciously to lay the legal and moral groundwork for deep rooted change and fight to bring greater justice and security to people around the world. Through our Human Rights Watch Film Festival we bear witness to human rights violations and create a forum for courageous individuals on both sides of the lens to empower audiences with the knowledge that personal commitment can make a difference. The film festival brings to life human rights abuses through storytelling in a way that challenges each individual to empathize and demand justice for all people.

The HRW Film Festival currently screens in over 20 cities around the world throughout the year. The festival's programming committee operates out of the New York office to screen more than 500 films each year. Through a rigorous vetting process, that includes review by Human Rights Watch’s programmatic staff, the festival chooses approximately 40 films each year to participate in our various festivals. It is then up to the particular city and its programming committee to choose films from this final selection for their specific festival.


MicroMega | È la stampa, bellezza! - Almanacco di giornalismo

MicroMega dedica il terzo numero dell’anno al giornalismo per discutere del ruolo e dell’etica di quello che è a tutti gli effetti il quarto potere delle democrazie contemporanee: nell’epoca delle fake news e della post-verità, la rivista diretta da Paolo Flores d’Arcais si interroga sullo stato di salute dell’informazione e sulla sua capacità di svolgere ancora oggi il compito di critica radicale del potere. Continua


Il giornalismo a fumetti 

L’Italia è il terzo paese al mondo nella produzione di graphic journalism, eppure questo genere sconta ancora alcune resistenze da parte del giornalismo tradizionale. Ma qual è la differenza che corre fra i due? Se il lavoro d’inchiesta e i temi affrontati sono gli stessi, il giornalismo a fumetti si distingue per una forma espressiva che mescola parola e immagine. Vantaggi e difficoltà di un genere in crescita nel dialogo fra il giornalista-sceneggiatore Marco Rizzo, il fumettista Gianluca Costantini e il critico Matteo Stefanelli. 



0 Comments

Carl Lohse: Expressionist

Carl Lohse (1895-1965) produced a magnificent Expressionist oeuvre during the period of heightened artistic creativity following the First World War, between 1919 and 1921. After his release from captivity as a prisoner of war and from military service, in which Carl Lohse had been the only survivor when his company was buried alive, he painted highly expressive portraits with glaring colour contrasts. Continue


Six minutes and twenty seconds

It's very irresponsible to deny the reality of a problem to see whether it might stop existing.

Carles Puigdemont


My speech today was abt 6 mins & 30 secs, including both my speech and my silence. The fact that people think the silence was 6 minutes... imagine how long it would have felt if it actually was 6 minutes, or how it would feel if you had to hide during that silence Emma Gonzalez

 

Il mio discorso di oggi è durato sei minuti e trenta secondi, compresi il silenzio e la parte parlata. Il fatto che la gente abbia pensato che il silenzio è durato sei minuti… Pensate quanto sarebbe stato lungo se fosse durato davvero sei minuti, o come vi sentireste se doveste nascondervi per tutto quel tempo. Emma Gonzalez



Carles Puigdemont | Catalonia

It's very irresponsible to deny the reality of a problem to see whether it might stop existing.

Carles Puigdemont


The former Catalan president Carles Puigdemont is to appear in court following his arrest in Germany, which triggered a wave of protests in Catalonia where thousands of separatists confronted police.

Puigdemont, who has been living in self-imposed exile in Brussels since October, was travelling in a car on the way from Finland to Belgium on Sunday when he was detained, having visited Finnish lawmakers in Helsinki.

German police arrested him after he crossed the border from Denmark, under a European arrest warrant reactivated on Friday by Spain, where he is wanted on charges of sedition, rebellion and misuse of public funds.

Puigdemont will be brought before a German judge on Monday to confirm his identity. The court will then decide if he is to remain in custody pending extradition proceedings.

The news sparked protests in Catalonia that turned violent, with three arrests and at least 52 people injured in Barcelona.

A crowd of several thousand people gathered outside the office of the European commission in the city chanting “no more repression” and “general strike”. They later made their way to demonstrate outside the German consulate. Continue




What if, instead of accepting a future of climate catastrophe and private profits, we decide to change everything?

What if, instead of accepting a future of climate catastrophe and private profits, we decide to change everything? Naomi Klein.

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link





Read More

Caterina Sarfatti | C40 Cities

Nel bene e nel male il cambiamento climatico ci riguarda tutti! Caterina Sarfatti

Caterina Sarfatti è Senior Manager del team per progetto speciali presso C40 Cities e si occupa di supportare le città nel portare avanti azioni per il clima ed assicurare che le strategie climatiche urbane siano inclusive ed accessibili, massimizzandone il raggio d’azione e l’impatto benefico. Precedentemente ha lavorato con il team di eventi di C40 per l’organizzazione di una serie di eventi chiave che costituivano la “strada” dal COP21 al 2016 C40 Mayors Summit di Mexico City, di cui è stata project manager. Prima di lavorare a C40 ha lavorato come policy advisor e project manager nel reparto di relazioni internazionali dell’ufficio del sindaco del Comune di Milano e come consigliere e key coordinator per le smart city policies. È laureata in Teoria della politica e Scienze politiche all’Università Sciences-Po di Parigi e ha un master in Diritti umani e Legge umanitaria alla Université Assas-Paris II e un altro in Politiche ambientali globali all’Università La Tuscia.

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Hindou Oumarou Ibrahim | Chad

Siete fortunati perché potete sentir parlare dei cambiamenti climatici e delle loro conseguenze. Io e la mia gente li viviamo tutti i giorni, senza esserne la causa! Hindou Oumarou Ibrahim

Hindou Oumarou Ibrahim è una donna indigena della società pastorale Mbororo del Chad. Coordina l’Associazione delle Donne Peul e popoli Autoctoni del Chad (AFPAT) ed è co-direttrice del padiglione del World indigenous peoples’ initiative e padiglione al COP21, COP22 e COP23. È membro della commissione esecutiva dell’IPACC (Indigenous Peoples of Africa Coordinating Committee) ed ha esperienze in diritti delle popolazioni indigene e protezione ambientale grazie alle tre Convenzioni di Rio (Biodiversità, Cambiamento climatico e Desertificazione) dove ha avuto varie responsabilità. È stata nominata Esploratrice Emergente di National Geographic e ha vinto il premio speciale Danielle Mitterrand nel 2017. È CSO panel member di UNCCD e Policy Board Member del Partenariato delle Popolazioni Indigene delle Nazioni Unite (UNIPP). È anche co-presidente del Pan-African Alliance Climate Justice (PACJA). Ha coordinato le popolazioni indigene ai negoziati per l’Accordo di Parigi sul cambiamento climatico, portando a cinque riferimenti alle richieste delle popolazioni indigene nell’accordo.

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


City Lights. Le metropoli accendono le speranze

Una popolazione in crescita, sempre più concentrata nelle città. In questo mondo le metropoli possono essere la soluzione ai grandi problemi contemporanei. Purché non si faccia come Leonia, la città immaginaria di Italo Calvino che gettava tutto nell’immondizia, facendola diventare «una fortezza di rimasugli indistruttibili».

Con:

Stefano Boeri, architetto e urbanista

David Miller, direttore dell’area North America di C40 Cities e Ambassador for Inclusive Climate Action

modera Paolo Foschini (“Buone Notizie – Corriere della Sera”)





Read More 0 Comments

Acqua: un bene di tutti, non per pochi. Non sprechiamola e non inquiniamola

L’acqua non è solo un bene prezioso, è soprattutto un diritto. Che viene calpestato da chi se ne accaparra, da chi la inquina, da chi la spreca. Molto dipende da ciascuno di noi: usare meno plastica, chiudere il rubinetto quando non serve. Difendere i propri diritti è possibile.

Dibattito:

Mascha Stroobant, ricercatrice e divulgatrice scientifica

Giovanna Procacci, Contratto mondiale sull’acqua

Buone pratiche:

Federico di Penta (Marevivo)

FDUFoto:

With bare hands di Tomaso Clavarino | modera Chiara Oggioni Tiepolo (Officine Fotografiche Milano)


Proiezione:

A Plastic Ocean di Craig Leeson (Paesi Bassi 2017, 102’)





Read More

Il futuro è già entrato in noi. Cambiamenti climatici e violenza, nella vita e nella letteratura

Ci sono luoghi del mondo dove fenomeni climatici estremi, carestie e comportamenti egoistici non

sono un futuro spaventoso ma il presente. L’Africa sognata da Kuki Gallmann nei suoi libri in parte

ne è già vittima. Ed è un mondo molto simile a quello che un altro scrittore, Bruno Arpaia,

immagina per un’Europa futuribile, dove la solidarietà è spazzata via dall’impazzimento del clima.


Con:

Bruno Arpaia, scrittore autore di “Qualcosa, là fuori”

Kuki Gallmann, ecoattivista e scrittrice, autrice di “Sognavo l’Africa”

modera Danilo De Biasio (direttore del Festival dei Diritti Umani)

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link





Read More 0 Comments

In Europa è legale vendere l'avorio!

In Europa è legale vendere l'avorio!

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Ambiente e diritti indigeni: la foresta Mau in Kenya

 In collaborazione con Università degli Studi di Milano – Scienze umane dell’ambiente, del territorio e del paesaggio, e con Mani Tese.

La Foresta Mau è un ecosistema di grande valore ambientale che negli ultimi decenni ha subito un importante processo di degrado. Dal 2017, l’Ong Mani Tese e l’Università di Milano collaborano per contrastare il degrado della foresta e sostenere i diritti degli Ogiek, la popolazione che storicamente abita la foresta. L’incontro vuole raccontare per immagini questo eccezionale patrimonio socio-ambientale e le attività messe in atto per la sua tutela.

 

Valerio Bini, ricercatore all’Università degli Studi di Milano e presidente di Mani Tese

Stefania Albertazzi, PhD Università di Padova

Matteo de Mayda, regista e fotografo

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link





Read More

Silvia Tenenti | Terra dei fuochi

Sono racconti di dolore ma anche di riscossa!
Silvia Tenenti

Silvia Tenenti è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Milano. Si specializza in fotografia per due anni a New York e, tornata a Milano, Diego della Valle le commissiona un servizio fotografico per “Hogan”, che la porta in Asia, Sud America e Africa e che si conclude  con una mostra/evento allo Studio Marconi di Milano. Di seguito ha realizzato altri servizi simili dove gente comune di luoghi diversi indossa capi prodotti da aziende quali “Champion”, selezionando atleti in campus universitari negli USA e “Yak Kit”, fotografando persone in Islanda, Mongolia, Argentina. Ha pubblicato su Condè Nast, Rizzoli, Hachette, Mondadori e Cairo servizi di moda e ritratti ambientati. Ha collaborato con le più importanti agenzie di pubblicità in Italia, e, parallelamente, pubblicato servizi fotografici di taglio giornalistico realizzati in Italia e all’estero.

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


0 Comments

Matteo dell'Acqua | Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

Insieme creiamo i semi del futuro!
Matteo dell'Acqua

Matteo Dell’Acqua è un genetista della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Dopo la laurea in Biologia dell’Evoluzione all’Università degli Studi di Milano, si è trasferito nella città della torre pendente per lavorare ai temi dell’agrobiodiversità e del miglioramento genetico delle colture. Matteo utilizza strumenti genomici, statistici e bioinformatici per identificare geni capaci di produrre nuove varietà che rispondano ai bisogni e alle aspettative dell’agricoltura del futuro. Lavora a fianco di studenti e ricercatori provenienti da paesi emergenti e con loro studia le interazioni tra la diversità genetica e la diversità culturale nei sistemi agricoli del sud del mondo. La sua ricerca coinvolge le comunità contadine di sussistenza nella selezione e produzione di nuove varietà che rispondano ai bisogni dell’agricoltura marginale, e per questo con loro è stato insignito del Bologna Sustainability and Food Award 2017.

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Giuseppe Savino | VàZapp’

Prima di avvicinare i giovani all'agricoltura cerchiamo di avvicinare i giovani a se stessi. 
Giuseppe Savino

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Alessandro Leogrande | Quanta sofferenza...

Quanta sofferenza. Quanto caos. Quanta indifferenza. Da qualche parte nel futuro i nostri discendenti si chiederanno come abbiamo potuto lasciare che tutto ciò accadesse. Alessandro Leogrande

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Daniele Bocchiola

Daniele Bocchiola è professore associato presso il Politecnico di Milano. Si è laureato al Politecnico di Milano ed ha ricevuto un PhD in Ingegneria Idraulica dal Politecnico di Milano, parzialmente svolto al MIT. Insegna Infrastrutture Idrauliche (BS), Water Resources Management (MS) e Mountain Hydrology and Climate Change (PhD). Il suo campo di studio include la valutazione della risorsa idrica, dell’impronta idrica in agricoltura, dell’eco-idrologia, con particolare attenzione agli effetti del cambiamento climatico ed al ciclo idrologico nelle aree montane. È autore di circa 150 contributi, tra libri, capitoli, articoli su rivista nazionale ed internazionale, atti e sommari di interventi a convegni. Editore di diverse riviste scientifiche nell’ambito della risorsa idrica e cambiamenti climatici. Coordina diversi progetti di ricerca in Europa, Sud America, Asia e coopera con diversi istituti scientifici.

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Stefano Stranges | The victims of our wealth

Stefano Stranges, laureato in Comunicazione interculturale, inizia a lavorare come fotografo nel 2006 nel campo della moda, eventi e reportage di viaggio, collaborando con agenzie del settore. Nel 2012 si specializza con un Masterclass dell’Agenzia Magnum. Da allora i suoi lavori si focalizzano su tematiche sociali e inizia a collaborare con ONG nazionali e internazionali. Dal 2013 al lavoro di fotoreporter affianca quello didattico in scuole e centri di formazione. Nel 2017 allarga i suoi interessi al tema dell’educazione all’immagine, attività che svolge in alcuni istituti superiori e circoli fotografici torinesi insieme ai colleghi del progetto didattico CollettivoX, di cui è co-fondatore. Attualmente è impegnato in un progetto a lungo termine sulla filiera del materiale tecnologico, partendo dalle aree minerarie di Coltan in Africa, dal quale è nata la mostra itinerante The victims of our wealth(Finalista al Sifest Premio Pesaresi 2016, Menzione d’onore International Photographer of the Year 2017). I suoi reportage sono stati pubblicati da “Rolling Stone”, “Il Reportage”, “Il Manifesto”, “La Stampa”, “Jesus Magazine” e “Voci Globali”. Dal 2017 è membro del collettivo fotogiornalistico Walkabout–Ph.

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Paola Gianotti, 48 stati, 48 giorni, 48 bici

Paola Gianotti è una ciclista di endurance, motivational coach e scrittrice detentrice dal 2014 del Guinness World Record come donna più veloce al mondo ad aver circumnavigato il globo (29.430 km) in bici in 144 giorni, donna più veloce al mondo ad aver pedalato per i 48 Stati degli Stati Uniti in 48 giorni nel 2016 e donna più veloce ad aver attraversato il Giappone in bici (9 giorni). Laureata in Economia e Commercio, viaggiatrice e sportiva da quando è nata, nel 2011 ha scalato il Kilimangiaro (6.000metri di quota) e nel 2012 ha tentato la cima dell’Aconcagua (7.000metri di quota) dovendo rinunciare a quota 6.000 metri a causa delle condizioni atmosferiche. Nel 2013 ha attraversato la costa della Groenlandia in kayak. Nel luglio 2015 ha partecipato come unica donna alla prima edizione della Redbull Transiberian Extreme (9.200 km in 286 ore da Mosca a Vladivostock), gara di ultracycling considerata più dura al mondo, in coppia con Paolo Aste, ultracycler vicentino classificandosi terzi.

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Gianluca Ruggieri | è nostra l'energia buona

Gianluca Ruggieri è ingegnere ambientale, ricercatore all’Università dell’Insubria e attivista energetico. È tra i soci fondatori di Retenergie – Cooperativa elettrica di produttori e utilizzatori di energia da fonti rinnovabili e di Ènostra – energia condivisa. Fa parte della commissione del corso di Master RIDEF 2.0 Reinventare l’energia attivo presso il Politecnico di Milano. Ha coordinato diverse campagne di misure dei consumi elettrici e si è occupato di meccanismi legislativi e regolativi per la rimozione delle barriere all’efficienza. Ha partecipato a numerosi progetti europei e a innumerevoli iniziative locali per la promozione della sostenibilità energetica. Con Fabio Monforti ha pubblicato Civiltà solare – L’estinzione fossile e la scossa delle energie rinnovabili, Altreconomia, 2016.

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Carlo Carraro

Carlo Carraro è presidente della European Association of Environmental and Resource Economists (EAERE). È stato Rettore dell’Università Ca’ Foscari di Venezia dal 2009 al 2014 e direttore del Dipartimento di Economia dal 2005 al 2008. Presso la stessa università è ora professore ordinario di Economia Ambientale. Ha conseguito il dottorato di ricerca all’Università di Princeton, negli Stati Uniti.

Dal 2015 riveste, per il secondo mandato consecutivo, la carica di vicepresidente del Working Group III dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), organizzazione internazionale per cui lavora dal 1995 e che nel 2007 è stata insignita del premio Nobel.

È membro del Comitato Strategico della Fondazione Centro Euro Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC) e Fellow dell’Association of Environmental and Resource Economists (AERE).

È anche Co-Presidente dell’Advisory Committee della Green Growth Knowledge Platform e membro del World Economic Forum (WEF) Expert Network. È presidente di H-Farm Education e della HforHuman Foundation.

Ha scritto circa 40 libri e oltre 300 articoli e sui temi dell’economia ambientale, dei cambiamenti climatici, degli accordi internazionali ambientali, del coordinamento delle politiche fiscali e monetarie, della teoria delle coalizioni, della modellizzazione economica ed econometrica. Il suo blog è www.carlocarraro.org.

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Bring the sun home di Chiara Andrich e Giovanni Pellegrini

Maura e Rosa, due donne analfabete di un villaggio senza luce di El Salvador sono appena arrivate in India, al Barefoot College, per frequentare un corso per imparare a costruire pannelli solari. Queste signore non avevano mai lasciato le loro famiglie, non parlano inglese e sembra impossibile che possano apprendere. Allo stesso tempo, nel Sud del Peru, Jeny e Paula, che sono appena tornate dall’India, mostrano che il Barefoot College è il luogo dove è possibile l’impossibile. Erano solo mogli e madri, ormai sono diventati ingegneri solari e sono in viaggio di villaggio in villaggio per “portare a casa il sole”.

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Carles Puigdemont i Casamajó

It's very irresponsible to deny the reality of a problem to see whether it might stop existing.

Carles Puigdemont i Casamajó

 

All other drawings: Link


Ai Weiwei | Human Flow

Refugees are not slaves - they have dignity, they are just like you and me.

Ai Weiwei

 

All other drawings: Link


Paolo Anselmi - GfK Eurisko, WWF Italia

Una. Per tutti. Non per pochi!

Paolo Anselmi - GfK Eurisko, WWF Italia

 

Tutti gli altri disegni del Festival dei diritti umani di Milano: Link


Marielle Franco | Rio De Janiero

Quantos mais vão precisar morrer para que essa guerra acabe?

Marielle Franco

 

Quante altre persone dovranno morire prima che questa guerra finisca?


Protests were held across Brazil after a popular Rio city councillor and her driver were shot dead by two men in what appears to have been a targeted assassination.

Marielle Franco, 38, was a groundbreaking politician who had become a voice for disadvantaged people in the teeming favelas that are home to almost one-quarter of Rio de Janeiro’s population, where grinding poverty, police brutality and shootouts with drug gangs are routine.

Richard Nunes, Rio’s head of public security, said there would be a “full investigation” into the deaths, which came despite the military taking charge of policing in the city last month after a surge in violence.

Two police officials told Associated Press that two men in a car fired nine shots into the vehicle carrying Franco and her driver, Anderson Pedro Gomes on Wednesday night. A press officer in the back seat was injured, but survived, the officials said. Both officials said it appeared Franco was targeted. Continue



Aya Mohammed Abdullah | Iraq

We were forcibly displaced, byt we did not lose our names, our dreams, our identities we want to reclaim them.

Aya Mohammed Abdullah

 

All other drawings: Link


Jose Maria «Chato» Galante

The silence of others!  

Jose Maria «Chato» Galante

 

All other drawings: Link


Aïssa Maïga

Aïssa Maïga

 

All other drawings: Link


Evgeny Morozov - The Net Delusion: The Dark Side of Internet Freedom

To save everything, click here.
Evgeny Morozov

 

All other drawings: Link


Abdul Rasheed, Fondateur de la Rohingya Foundation

Rohingya are not safe anywhere!
Abdul Rasheed

 

All other drawings: Link


Filippo Grandi - United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees in the Near East

Now if  Europe starts setting limits, pushing back, erecting barriers, being hostile, the rest of the word will follow, I can tell you!
Filippo Grandi

 

All other drawings: Link


Céline Bardet - WWoW

We Are not Weapons of War. 
Céline Bardet

 

All other drawings: Link


Chimamanda Ngozi Adichie

Of course I am hot worried about intimidating men. The type of man who is initimidated by me is exactly the type of man I have no interest in. Chimamanda Ngozi Adichie 

 

All other drawings: Link


Razzia a film by Nabil Ayouch

The education system turned its back on the humanities. This happened throughout the Maghreb region. In Morocco, disciplines such as sociology and philosophy were taken off the curriculum. We are now suffering the consequences. We're building a new kid of human being. Nabil Ayouch

 

All other drawings: Link


Gael Garcia Bernal #FIFDH18

I feel hopeful and naively optimistic for the future! Gael Garcia Bernal

 

All other drawings: Link


Daniel Tammet

I'm inconsistent because I'm human! Daniel Tammet

 

Diagnosed with Asperger syndrome, Daniel Tammett is fluent in 12 languages and considered one of the top "100 living geniuses". Writer and essayist, he suffers from linguistic, numerical and visual synesthesia, which means that his perception of words, numbers and colors are intertwined in a new way of perceiving the world. His latest book, Every Word is a Bird We Teach to Sing offers a fascina- ting journey through the labyrinth of languages. 

 

All other drawings: Link


Ai Weiwei - Human Flow

When one of the greatest contemporary artists, Ai Weiwei, captures the humanitarian disaster affecting 65 million migrants around the world, he reveals a crisis of unprecedented scale. Human Flow is a warning cry: we cannot look away, immediate action is necessary from citizens and governments. The film is currently presented all over the world, with an unparalleled echo. The premiere of this essential film in Geneva, the human rights capital and home to the Office of the United Nations High Commissioner for Refugees, is an important symbol as well as an opportunity to powerfully resonate this call. Filippo Grandi, UN High Commissioner for Refugees, will join Ai Weiwei for a conversation of utmost importance. 

 

All other drawings: Link


Women of the Venezuelan chaos! Margarita Cadenas

How did one of the richest countries in Latin Ame- rica, driven by oil revenues, plunge into such a political and economic crisis?

The populist by democracy of Hugo Chavez has given way to a true dictatorship since the takeover on the institutions by his successor Nicolás Maduro. Everyday life has become a desperate search for the most basic necessities. Vital supplies are missing from hospitals. Food is scarce to the point of starva- tion everywhere in the country.

The anger of the population is growing more profound. Meanwhile, the National assembly has been dismissed, the demonstrations are violently repressed and the opposition silenced, imprisoned and forbidden to participate in the next elections. Millions of Venezuelans are now fleeing their country. How can the crisis be resolved?

Women of the Venezuela Chaos, by Margarita Cadenas, portrays five women caught in one of the country’s toughest crises. 

 

All other drawings: Link


0 Comments

Naila and the Uprising a film by Julia Bacha

In Naila and the Uprising, Julia Bacha seamlessly weaves archival footage and animation to recount Naila Ayesh’s commitment to non-violence during the First Intifada of 1987 to 1991. 

 

 

All other drawings: Link


SILAS Anjali Nayar and Hawa Essuman

Silas by Hawa Essuman and Anjali Nayar, chronicles the life of its eponymous main character in his fight over the years against convicted warcriminal Charles Taylor and the illegal deforestation and corruption in his native Liberia. 

 

All other drawings: Link


Maryam al-Khawaja #FIFDH18

Hardship is easier to endure when you are going through it with others!
Maryam al-Khawaja - Bahrain

 

All other drawings: Link


Free Kenneth Reams

#FreeKennethReams

 

In the United States, three thousand death row inmates are locked in solitary confinement for fifteen, twenty, thirty years. During a one year stay in the United States, Anne-Frédérique Widmann and cartoonist Chappatte visited convicts across the country. One encounter particularly marked them: Kenneth Reams, who from his tiny cell in Arkansas, paints, composes, writes plays and married the love of his life, Isabelle. How can a human being stand up and resist, when unjustly imprisoned on death row, alone and without hope of release?

Kenneth Reams’ cell will be recreated in Pitoëff, at the center of the Festival, and on this occasion will be launched the campaign #FreeKennethReams. 

 

All other drawings: Link


Europeismo anti-sistema | Napoli

Dopo aver girato l’Europa tessendo lentamente un’alleanza transnazionale, un contro-potere cittadino capace di rappresentare una forte innovazione nella politica europea e nazionale, iniziamo ora il percorso! Un’avventura che si vuole APERTA a quanti decideranno di farne parte. Il treno sta lasciando la stazione, ma le porte sono aperte!

Ci incontrano il 10 marzo a Napoli con Yanis VaroufakisLuigi de Magistris, sindaco di Napoli e presidente del movimento demA, Benoit Hamon, già candidato alle presidenziali francesi, e forze progressiste da Germania (Budnis25), Polonia (Razem), Danimarca (Alternativet), Grecia (MeRA25) e Portogallo (LIVRE), nonché osservatori da Croazia, Slovenia, Romania e da parte del Partito Verde Europeo e del Partito della Sinistra Europea. Obiettivo: iniziare a costruire la prima lista transnazionale per le elezioni europee del 2019. Con un occhio di riguardo all’Italia.

— Comunicato stampa

Il 10 marzo a Napoli Yanis Varoufakis, co-fondatore di DiEM25 e Luigi de Magistris, presidente di demA (Democrazia e Autonomia) – assieme a esponenti dei partiti progressisti ed ecologisti europei, tra cui Benoit Hamon, alla guida del nuovo movimento Génération.s –  lavoreranno alla nascita di un nuovo soggetto politico transnazionale. Un progetto innovativo che si presenterà alle elezioni europee del 2019 con l’urgenza di dare finalmente peso alle tante voci che in Europa non sono ascoltate.

“Per la prima volta si lavorerà a costruire una vera lista transnazionale, che presenterà un’unica lista di candidati con un unico programma in tutto il continente alle elezioni europee del 2019”, sostiene Yanis Varoufakis.

“Liberare l’Europa dalle politiche liberiste ed oligarchiche è un obiettivo politico necessario per garantire i diritti e soddisfare i bisogni del popolo europeo. – specifica Luigi de Magistris – Per un’Europa della giustizia sociale, della solidarietà e dell’uguaglianza”.

In tutta Europa i principali beneficiari delle scellerate politiche dell’establishment e della spettacolare incapacità della sinistra di articolare un programma politico credibile sono le forze nazionaliste o xenofobe. C’è urgenza di un nuovo progetto politico europeo e nazionale, serio e dirompente.

I risultati delle elezioni italiane chiamano un nuovo inizio. Occorre una strategia coordinata a livello europeo, nazionale e municipale, che sia capace di affrontare le grandi crisi del nostro tempo: dal cambiamento climatico alle migrazioni, dall’evasione fiscale delle multinazionali al ricatto del debito, dall’emergenza del lavoro alla povertà crescente. Senza dimenticare l’urgenza di una profonda democratizzazione dell’Unione Europea.

Nessuna risposta a questi problemi può arrivare dall’attuale establishment europeo e nazionale. Né potrà arrivare dai nuovi populismi e nazionalismi che dilagano in tutto il continente e che sono il risultato diretto delle politiche nefaste di questi anni. Il 10 marzo si parte per aprire un terzo spazio e costruire una nuova alternativa politica.

Da Napoli presenteremo un progetto politico per scuotere l’Europa e restituire speranza all’Italia. Con delicatezza. Con compassione. Ma con fermezza!

 

PROGRAMMA  – Sabato 10 marzo, 2018

PRIMO INCONTRO TRA I MEMBRI FONDATORI DELLA LISTA TRANSNAZIONALE.

Domus Ars di Napoli (via Santa Chiara, 10)
Partecipano:

Alternativet (Danimarca)

Bündnis – DiEM25 (Germania)
DemA (Italia)
DiEM25
Génération-s (Francia )
Livre (Portogallo)
Razem (Polonia)

Osservatori:
DEMOS (Romania)
DiB (Germania)
Partito Europeo dei Verdi
Partito Europeo della Sinistra
Levica (Slovenia)
Nova ljevica and Zagreb Je NAŠ! (Croazia )
PCF (Francia)


0 Comments

Rencontre avec Aslı Erdogan

Law is obliged to protect the individual and the community, not only the state. Aslı Erdogan 

 

A physicist by training at CERN during the 1990s, journalist, wr ter, activist for human rights and women’s rights, Aslı Erdoğan is one of the most important voices in contemporary Turkish literature. Actes Sud has just published the French translation of  The Shell Man.

Meeting preceded by the opening of the installation at 5pm of the Bibliothèque sonore des Femmes, designed and produced by Julie Gilbert. 

 

All other drawings: Link


Omar Robert Hamilton - Écrivain, vidéaste

We won't know what the result of the egyptian revolution is for a very long time! Omar Robert Hamilton

 

Anglo-Egyptian, Omar Robert Hamilton grew up in London. In 2011, as Egypt rose up against the Mubarak regime, he moved to Cairo and cofounded the Mosireen collective. They freely posted photos, videos, and documented demonstrations, the daily struggles and police abuse. This sense of urgency, this courage, this intensity and their shattered hopes are the plot of his first novel, The City Always Wins, which, after gaining acclaim in the Anglo Saxon world, is published by Gallimard, in partnership with the FIFDH. Omar Robert Hamilton has also published numerous articles in The Guardian and The London Review of Books, and founded the Ramallah Literature Festival. 

 

All other drawings: Link


0 Comments

Marie-Pierre Gracedieu Éditrice chez Gallimard

Marie-Pierre Gracedieu Éditrice chez Gallimard 

 

Marie-Pierre Gracedieu has led, at only 40,

an already impressive career, alongside the biggest international authors. She got her start at Stock, as head of La Cosmopolite, until then dedicated to legends such as Stefan Zweig and Virginia Woolf. On arrival, she opens the collection up to contemporary authors, amongst which Sofi Oksanen and her thriller Purge. In 2012, Antoine Gallimard appoints her as head of the anglosaxon section. Curious, sharp, tireless and passionate, she has since edited Chimamanda Ngozi Adichie, Taiye Selasi, Hisham Mater, Jessie Burton, Jonathan Coe, Arundathi Roy and Omar Robert Hamilton’s first novel The City Always Wins, published in French this month in collaboration with the FIFDH. 

 

All other drawings: Link


Christian Lutz FIFDH18

Power operates everywhere in the private sphere , in human relations, between nations, among peoples; it is at the heart of countless processes in society. This is an issue that obsesses me and which is in fact an excuse to talk about our world and the interactions between individuals and system! Christian Lutz

 

Christian Lutz’s images are exhibited around the world. In 2007, he gained recognition for his work Protokoll, a personal dive behind the scenes of Swiss politics. In 2011, the Grand Prix Images Vevey selected an exhibition on the Nigerian oil fields : Tropical Gift was awarded the Swiss Press Photo. A year later, In Jesus’s Name earned him the wrath of the ICF Evangelical Church in Zurich. The book was withdrawn from sales but inspired Lutz to create a striking exhibition at the Musée de l’Elysée. Last summer, Insert Coins, which shows the backrooms of Las Vegas, was presented in Arles. For the past four years, he has been traveling across Europe and Switzerland to document the hotbeds of populism and the rise of the far right. 

 

All other drawings: Link


Andrej Dmitrievič Sacharov

30 ans du Prix Sakharov

Depuis 1988, le Parlement européen décerne le prix Sakharov pour la liberté de l’esprit à des personnes et à des organisations qui ont apporté une contribution exceptionnelle à la lutte pour les droits de l’homme.

Pour célébrer le 30ème anniversaire du prix, le Parlement européen et l’Agence Magnum Photos présentent quatre histoires actuelles d’activistes des droits de l’homme.

www.europarl.europa.eu/sakharovprize/fr 

 

All other drawings: Link


Pidgeon Pagonis - Réalisateur.rice et activiste intersexe

Universal Declaration of Human Rights

Article 5: No one shall be subjected to torture or to cruel inhuman or degrading treatment or punighment.

 

"The son I never had" a film by Pidgeon Pagonis (United States)

 

Anatomy of the genders Girl or boy? It is traditionally the question that follows a birth. But the answer might not be as straightforward as it first appears as some children are neither female or male standard. They are born intersexual.

"They operated on me to remove my testicles, and told my parents to take me home and simply to be

a girl ...". The intersex bodies defy our conception of gender. In order to "normalize" these people, doctors perform surgeries: genital mutilations and sterilization, accompanied by hormonal treatments for life. Parents are helpless and hide their shame. In adulthood, several intersex people now denounce the operations carried out without their consent during childhood. They claim the right to grow in their birth body and to allow every child the freedom to choose their identity. Are we ready to review our binary approach of the gender?

In his/her film The Son I Never Had, Pidgeon Pagonis tells the story of his childhood, brought up in the lie of his intersex identity.

Barbara Lohr, Cécile Thullier, Elsa Kleinschmager, Florence Touly’s France, neither girl nor boy tells

of the activists’ campaign to bring an end to the practice of non-consensual surgical procedures performed on intersex people. 

 

All other drawings: Link


Zeid Ra’ad Al Hussein Haut-Commissaire des Nations Unies aux droits de l’homme

In this 70th anniversary year of the Universal Declaration of Human Rights, our world is suffering rising nationalism and its repugnant shadow: racism and xenofobia!  Zeid Ra’ad Al Hussein

 

The Geneva International Film Festival And Forum on Human Rights Index : The State of Human Rights in the World Today

“What is happening to us? When human rights increasingly have to be defended, everywhere. When our outrage finds no respite and our concerns over violations only heighten, instead of ebbing, even in countries that are prosperous and stable. How is

it a child can easily understand the critical need to uphold human rights – the idea of fairness – and yet their significance seem to defeat so many governments?” wondered UN High Commissioner Zeid Ra’ad Al Hussein in a recent speech delivered in New York.

As 2018 marks the 70th anniversary of the Universal Declaration of Human Rights, UN HCHR Zeid Ra’ad Al Hussein will deliver a keynote address on the state of human rights in the world. A special message, followed by a moderated conversation and a Q&A with the public. 

 

All other drawings: Link


Freedom for the wolf a film by Rupert Russell

Freedom for the wolves has often meant death for the sheep!

"Freedom for the wolf "a film by Rupert Russell

 

Democracy doesn’t live by itself. It is not invulne- rable. It is being attacked on all sides.

There is no place for complacency as strong men get elected only to hollow out the very democratic institutions that have allowed them to gain power. By now, the pattern of abuse that leads to the rise of

“illiberal democracies” is well known. It usually starts with an attack on the separation of powers, on the freedom of expression and on the press. “ Freedom for the wolves has often meant death for the sheep” wrote Isaiah Berlin, one of democracy’s most astute observers. As the wolves rise again, how to resist ?

From Hong-Kong to Tunisia, from India to America, Rupert Russell’s Freedom for the Wolf is both a celebration of freedom and courage, and a visually stunning investigation into new forms of resistance. 

 

All other drawings: Link


Philippe Mottaz

Festival du film et forum international sur les droits humains FIFDH 2018
Philippe Mottaz - Responsable éditorial du Forum #FIFDH18

 

All other drawings: Link


Sharmeen Obaid Chinoy

I know there will be an attempt to silence me! 
Sharmeen Obaid Chinoy

 

Born in Karachi, Pakistan, Sharmeen Obaid Chinoy is one of the most influential filmmakers from Central Asia. Two time winners of the Academy Award for Best Short Documentary, her films tackle some of her country’s most burning issues, such as honor crimes (Saving Face, 2012 Oscar and A Girl In The River, 2016 Oscar), trangender people (Trans- genders : Pakistan’s Open Secret), taliban child soldiers (Children of the Taliban), and sharia law (Song of Lahore). In 2012, Time Magazine included her in their list of the 100 most influential people in the world. In 2017, she was the first artist invited to chair over the World Economic Forum in Davos. The same year, she received the prestigious Knight International Journalism Award in Washington, for her talent, courage and the profound impact her films have had in Pakistan. 

 

All other drawings: Link


Abigail Disney Productrice, cinéaste philanthrope (États-Unis)

I get very close to people when I'm shooting them! Abigail Disney

 

All other drawings: Link


Guy Delisle, artiste à l’honneur du festival

It'll always be easier to fight others if you reduce them to a single word or look at them just one way. Guy Delisle

 

All other drawings: Link


Remise du Prix Martine Anstett

This year the Association of the Martine Anstett Prize for human rights received 26 nominations - 15 women, 10 men and 1 association from 22 different countries.

 

All other drawings: Link


Barbara Hendricks | United States and Sweden | FIFDH18

Freedom is not given it must be earned by each generation  Barbara Hendricks

All other drawings: Link

Azza Soliman | Egypt

I need to be free so I can keep fighting for women!  Azza Soliman

Azza Soliman in the winner of  "Martine Anstett Prize" 2018

 

All other drawings: Link


Isabelle Gattiker Directrice générale FIFDH

What if, in 2018, our awakening was a jolt? Today, what triggers our commitment to a cause ? Why does a situation suddenly become unbearable ? What urges us to stand up, defend democracy and the freedom of another? Isabelle Gattiker

 

All other drawings: Link


Presentazione Fedele alla linea - Il mondo raccontato dal Graphic Journalism

Presentazione del libro "Fedele alla linea - Il mondo raccontato dal Graphic Journalism"
di Gianluca Costantini (BeccoGiallo Editore)

 

dialogano con l'autore:

Valentina Manchia, Dottore di ricerca in Semiotica, lavora sulle dinamiche di interazione tra verbale e visivo e si occupa, in particolare, di graphic design e information design. È editor e consulente editoriale. Si divide tra#Bologna, #Siena, #Milano e #Parigi

Claudio Musso, Critico d'arte, curatore indipendente, docente presso l'Accademia di belle arti G. Carrara Bergamo e Spazio Labo' Fotografia

il libro:

Fedele alla linea. Il mondo raccontato dal graphic journalism.

Sappiamo ricordare il presente? Sembra che tutto passi, senza lasciare neanche una traccia. E per non perdersi nel bosco del passato prossimo, che è anche artefice del nostro futuro, Gianluca Costantini traccia linee che raccontano il reale. Si tratta di #GraphicJournalism, che spazia dal reportage all’articolo di commento su argomenti nazionali e internazionali. Dalla zanzara Zika a Putin, dall’ascesa dei grillini a #Parmaagli attentatori di Charlie Hebdo, la matita di Costantini cartografa in modo puntuale e senza interferenze gli eventi. Una geografia delle vite, che è appunto una scienza che nasce disegnando il mondo. Pubblicate in riviste internazionali, quotidiani, blog condivise dagli attivisti per i diritti umani, le storie del disegnatore e attivista ci permettono di ricomporre un mosaico frantumato, rimanendo appunto “Fedeli alla linea”.


Raccontare storie vere. Il graphic journalism come storytelling d’opinione

di Carlo Branzaglia

in Alfabeta2

 

l volume Fedele alla linea di Gianluca Costantini, da poco uscito per i tipi di BeccoGiallo, rappresenta in qualche modo un punto di riferimento nell’ambito del graphic journalism, italiano e non solo, dato che molti dei contenuti dello stesso (il volume è a tutti gli effetti una raccolta antologica di lavori) sono stato pubblicati o tradotti in testate e portali su scala internazionale. Continua

Drawings of Ai Weiwei's life


 

- We all have a short life. We have only a moment to speak out or to present what little skills we have, and if everybody does that, maybe the temperature changes!

 

Ai Weiwei 

 

22/11/17


 

- I we been told there are 60 million refugees in the world. A few of them have been really. A few of them have been really taken care of, very few, less than 1 percent, maybe.

 

Ai Weiwei - Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica Venezia

 

10/08/17


 

- To the media, I have become a symbolic figure, critical of China. According to the government, I am a dangerous threat!

 

Ai Weiwei 

 

27/02/17


 

Portrait of Ai Qing 艾青

Book: Le cicatrici tra i miei denti, Italy

 

Ai Weiwei 

 

7/01/17


 

- I call on people to be 'obsessed citizens', forever questioning and asking for accountability. That's the only change we have today of a healthy and happy life!

 

Ai Weiwei 

 

16/10/16

Read More

Disegnare la frontiera - Laboratorio di Graphic Journalism

Laboratorio di Graphic Journalism

Sabir Pozzallo Festival 12/15 maggio 2016

‪#‎HotSpotDrawings‬

 

Cinque giorni d’indagine e disegno per capire come un centro abitativo può affrontare l’arrivo dei migranti e rifugiati in ‪#‎Italia‬. 

Gli aspetti, le procedure e i problemi che conseguono dall’essere frontiera.

Attraverso gli incontri organizzati dal festival, la relazione con gli esperti, gli attivisti e le interviste in paese i partecipanti costruiranno un reportage disegnato delle 5 giornate con un approfondimento al nuovo hotspot che verrà aperto nel porto di ‪Pozzallo‬.

Tutto il lavoro verrà condiviso in un flusso sui social network Twitter e Facebbok con l’hashtag #hotspotdrawings e raccolto in un ebook.

Promosso da Arci nazionale Acli - Associazioni cristiane lavoratori italiani, A Buon Diritto, Caritas Italiana, Associazione Carta di Roma e Anci Comune di Pozzallo

Realizzato in collaborazione con Bjcem - Association Biennale des Jeunes Créateurs de l'Europe et de la Méditerranée