Political Comics. Graphic journalism e attivismo sociale

Updated by Gianluca Costantini on May 2014, 1:30 p.m. ET


L'avventura di Political Comics è cominciata casualmente nel 2004 con una serie di disegni intitolati El indio e pubblicati on-line su questo sito, non potevo aspettarmi poi quello che sarebbe successo, questa piccola serie cambiò radicalmente il mio lavoro come disegnatore.

Quella breve serie parlava di personaggi che comparivano in piccole news nei siti web oppure nei quotidiani, c'era un'immagine del militare Pat Tillman, del giornalista ucciso
Rowell Endrinal, dell'artista Ousmane Ndiaye Dago, del candidato dell'Npd Holger Apfel, e tanti altri. I disegni vennero subito pubblicati sul sito americano Cloud King e proprio da questo primo contatto capii quale sarebbe stato il futuro di queste immagini la condivisione nel mondo virtuale. Successivamente anche da Enfuse Magazine.

 

Arrivarono subito le mostre, la prima fu Anni di guerra network nostrano alla Libreria 47th floor di Roma con un testo di presentazione di Lello Voce (per l'occasione venne realizzato un video dal titolo El indio) e al Museo della Battaglia del Senio di Alfonsine nella rassegna Gemini Muse dove realizzai una serie sulla Linea gotica, raccolto nel catalogo edito da Associazione Mirada con testo di presentazione di Sabina Ghinassi. Venni invitato a partecipare anche alla collettiva Luogo Comune2004 alla Festa Provinciale dell'Unità di Bologna, per l'occasione scrisse un testo Elettra Stamboulis.

Sempre nel 2004 realizzai due pagine a fumetti su Marzabotto per l'iniziativa Bologna Capitale del fumetto.
Tutta la serie El indio venne raccolta in un albetto dal Centro Andrea Pazienza nella collana PicColibri curatà da Grabriele Ferrero. Una delle immagini venne pubblicata nell'antologia Comix against Global War per il Sherwood Comix Festival.

Usci anche un bellissimo pezzo sulla rivista Carta Cantierei Sociali di Pablo Echaurren dal titolo L'arte di riuscire a fare il reporter di guerra.

 

Sempre nel 2004 pubblicai l'immagine sui sequestri dei server di Indymedia nel Regno Unito da parte dell'FBI, sulla rivista Il Mucchio Selvaggio e da allora iniziò la mia collaborazione con loro.

 

Pubblicai anche la serie Vademecum di stile fascista sul quinto numero della rivista inguineMAH!gazine edita da Coniglio Editore.

 

Iniziò quasi per caso grazie ad un giornalista della mia città, Andrea Colombari la mia collaborazione con il settimanale Ravenna & Dintorni, la collaborazione continua anche adesso. Il primo disegno fu su Ettore Muti.

La seconda serie che realizzai per il progetto Political Comics fu 48 ore so Yahoo! News e pubblicata nel sito di Political Comics inaugurato per questa occasione, la serie cercava di riassumere le notizie date dal portale Yahoo!, notizie minori che scomparivano e cambiavano continuamente. I disegni raccontano principalmente la guerra in Iraq, le proteste e un funerale a Gaza e un incidente in Thailandia.

 

Uno dei motivi per cui inizia ad indagare il reale con il disegno fu la lettura e visione del libro di Ernst Friedrich "Guerra alla guerra. 1914-1918: scene di orrore quotidiano" il fondatore del Anti-War Museum di Berlino. Il suo lavoro e la sua vita mi colpirono moltissimo.

 

Tra il 2004 e il 2005, non ricordo benissimo, realizzai la serie su Annalena Tonelli qui ripubblicata su Voci Globali. La mostra più importante che fu dedicata al progetto nel 2005 fu al Festival Crack! Fumetti dirompenti al Forte Prenestino di Roma in compagnia di Aleksandar Zograf.

Fu un anno molto produttivo in cui approfondii molto le tematiche dell'ex-Jugoslavia, il conflitto Palestina - Israele e l'Afghanistan. Incominciai anche ad interessarmi alla situazione politica attuale e storica dell'Italia, con disegni e storie su Giuseppe di Vittorio, Leo Longanesi, Primo Levi, Clementina Cantoni ecc...

 

Un'illustrazione di Political Comics uscì sul numero otto della rivista Garabattage in Spagna e la storia disegnata nel 2004 su Marzabotto sulla rivista curata da Aleksandar Zograf "Kuhnja" in Serbia. Mentre una immagine della serie El indio divenne la copertina del libro Resistenza60 delle edizioni Fernandel.

 

Nel 2006 Political Comics incominciò ad essere sempre più internazionale e e vennero organizzate due importanti mostre ad Atene e Lisbona.

La prima venne realizzata dalla rivista Babel nella loro sede espositiva di Atene.

Ormai gli argomenti trattati aumentano vistosamente, diventando ormai globali: Algeria, Congo, Etiopia, Somalia, Cuba, Cecenia, india, Pakistan, Bosna Erzegovina, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Turchia, Finlandia...

 

Contemporaneamente alla Bedeteca de Lisboa (Cidade do Lobito, Olivais, Lisbona) viene inaugurata la mostra Political Comics curata da Marcos Farrajota. In cui per la prima volta vengono esposte in Portogallo le mie immagini. Sempre in quei giorni realizzo in collaborazione con Mike Goes West una serigrafia in occasione della mostra.

 

Negli stessi giorni a Lisbona inaugura anche la mostra inguine@Lx Mafia Italiana al Crew Hassan Cooperativa Cultural CR dove vengono esposte altre immagini tratte dal progetto Political Comics.

Nel frattempo viene esposta una piccola mostra dal titolo III Meeting di artisti indipendenti al Link Associated di Bologna, in mostra anche Maurizio Ribichini e Diavù.

Incomincia sempre in quest'anno la mia collaborazione, che proseguirà per qualche anno, con la rivista Volontari per lo sviluppo,per la rivista inguineMAH!gazine esce la storia a fumetti scritta da Allan Antliff, mentre su Anthology HardcomicSeex a Bucarest esce l'intera serie El indio.

La storia "Gaz Promise" scritta da Elettra Stamboulis viene pubblicata contemporaneamente nel numero 237 della rivista Babel in Grecia e dalla rivista statunitense World War 3 illustrated.

 

Nel 2007 Political Comics partecipa al Festival Internazionale di fumetto Bilbolbul a Bologna organizzato dall'Associazione Hamelin e alla mostra collettiva 030Illustrators allo spazio Hublad Editions a Milano.

 

Collabora anche al progetto on-line Al voto al voto

curato da Ale Pop.

Gaz Promise, testi Elettra Stamboulis disegni Gianluca Costantini

 

Nel 2007 ho pubblicato "Diario di un qualunquista" contenente i disegni politici usciti dal 2004 al 2006, con la casa editrice Fernandel. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. Ha ricevuto moltissime recensione tra cui quelle di: Francesco Boille, David Vecchiato, Vittore Baroni, Manuel Graziani, Alessandra Monica, Federica Angelini  Ascolta l'intervista a Radio Città del Capo. Maggiori informazioni anche su Google Books.

 

All'interno un testo di presentazione

di Daniele Brolli.

Alcuni disegni escono sulle riviste: Pizzino, FATTI - Zero Euro Freepress, inguineMAH!gazine, M allegato de L'Unità.

Nel 2008 viene allestita la mostra Channeldraw a Pancevo vicino Belgrado in Serbia al Centro Culturale Elektrika Gallery, una mostra curata da Aleksandar Zograf all'interno della rassegna GRRR! PROGRAM.

 

Per la Galleria Miomao di Perugia viene allestita la mostra Sangue in Algeria, una serie di miei disegni dedicati alla guerra civile degli anni sessanta. E' stato pubblicato un catalogo con testo di presentazione di Tahar Lamri.

Sangue in Algeria | Work in progress Book

La mostra Channeldraw fa tappa anche nella città di Sarajevo all'interno del progetto Cartoline dall'Italia alla Bosnia alla Galleria d'Arte Moderna della Bosnia Erzegovina curata dall'Associazione Mirada e da Adriatico Mediterraneo di Ancona.

Sempre nel 2008 alcuni disegni fanno parte della mostra itinerante Children no more  alcune date a Museo del Territorio di Alberobello, Fiera del levante di Bari, Biennale d'Arte Contemporanea di Triggiano, alla Galleria Comunale SpazioGiovani di Bari, al Palazzo Farnese di Piacenza e al Palazzo di città Salone dei Marmi di Salerno.

Aleksandra Zograf scrive di Political comics sul numero 914 di Vreme, e continua la collaborazione con il quotidiano Pancevac pubblicando dei fumetti tratti da El indio.

 

Due workshop molto importanti mi coinvolgono, il primo all'Accademia di Belle Arti di Sarajevo e il secondo all'Accademia di Belle arti di Bucarest.
Nel 2009 una piccola mostra viene organizzata al C.S.O. Folletto25603 di Abbiategrasso fuori Milano.

Paul Gravett mi invita a realizzare una storia a fumetti su testi di Elettra Stamboulis per l'antologia Ctrl.lt.Shift Unmasks Corruption e relativa mostra al Festival Comica di Londra, la storia sarà sul terremoto dell'Aquila. La mostra è stata allestita alla Lazarides Gallery.

Autori in mostra: Adele Austin & Woodrow Phoenix (UK) Aleksandar Zograf (Serbia) Asia Alfasi (Libya / UK) Ben Dickson & Warren Pleece (UK) Bryan Talbot (UK) Cole Johnson (USA) Dan Goldman (USA) Daniel Merlin Goodbrey (UK) - online comic only Dave McKean (UK) Dylan Horrocks (New Zealand) Elettra Stamboulis & Gianluca Costantini (Italy) Ferry Gouw (UK) Floodworks (Ethan Ede / Adam Rosenlund) (USA) Fredrik Stromberg & Jan Bielecki (Sweden) Jason Masters (South Africa) Josue Menjivar (El Salvador / Canada) Laura Oldfield Ford (UK) - cover Lee O’Connor & Pat Mills (UK) Lightspeed Champion & Luke Pearson (UK) Patrick Dean (USA) Paul O’Connell & Marcus Bleasdale (UK) Sean Michael Wilson & Michiru Morikawa (Japan / UK) Vishwajyoti Ghosh (India) VV Brown, David Allain & Emma Price (UK)

 

Molti disegni realizzati sulla Russia vengono esposti al Festival Boomfest a San Pietroburgo - Griboedov chanel emb., mentre la mostra Channeldraw torna al 

SUBject a Bologna allo Spazio Capodilucca e al Centro Sociale Occupato Bruno all'interno della manifestazione indiTrottura a Trento.

 

In occasione della mia mostra all'interno del Salon du dessin contemporain al Carreau du Temple a Parigi realizzo la serie Daily Iraq, del quale esce un catalogo curato da Viola Giacometti e realizzato da LibriAparte di Bergamo, con un testo di Elettra Stamboulis dal titolo Dioniso in Iraq.

 

Sulla rivista Internazionale esce il fumetto Cartoline da Pancevo e su Terre di Mezzo la storia 8km, La storia di Zaher è narrata da Francesca Grisot qui. Le poesie di Zaher sono state tradotte da Hamed Mohamad Karim e Francesca Grisot.

Le esperienze di workshop continuano all'ALBA Accademia di Belle Arti di Beirut e alla NABA Nuova Accademia di Belle Arti di Milano con le lezioni dal titolo Activism o Artivism. Mentre all'Università degli Studi della Repubblica di San Marino e IUAV di Venezia tengo una lezione dal titolo Promemoria di una rivolta grafica a cura di Omar Volpinari.

 

Sempre nel 2009 vengo invitato a tenere una conferenza a Linz dal titolo Channeldraw - The future of comics is in the dialogue among the disciplines, al Ars Electronica Center l'incontro era a  cura di Gottfried Gusenbauer.

Nel 2010 mi viene dedicata una mostra personale al Museo De Humor Grafico Diogenes Taborda di Buenos Aires dal titolo Political Comics.

Partecipo alla collettiva Where Is My Vote? Posters for the Green Movement in Iran alla School of Visual Art di New York e al The Art Institute of Boston at Lesley University.

Tutte le immagini di El indio

Elindio contenuti: Ifor/Sfor, Pat Tillman, Rowel Endrinal, Emmanuel Murangina, Ousmane Ndiaye Dago, Samphors Tweety Mao, Deportato U.S.A., Holger Apfel, Mercato di Bouakè, Bacino di Merlebach, Uldis Berzins, Quotidiani riformisti, Asaad Kadhim, MoveOn.org, Ken Mehlmam, Moschea di Al Aqsa, James Miller, Ahmed Yassin.

48 ore su Yahoo! News

48 ore su Yahoo! News contenuti: Gaza Strip, John Kerry, Iraq,

Green zone Baghdad, Jebaliya, Aqsa Mosque, Ariel Sharon, Hamsa, Rafah, Thai-Muslim.

Nella redazione del NAHYEBAU CTPNM (Serbia)

Nel 2005 i disegni di Political Comics vennero esposti nella redazione del NAHYEBAU CTPNM a Pančevo in Serbia.


Political Comics 2005

Archivio completo 2005 qui

Il silenzio dei fumetti è insopportabile

Il fumettista italiano parla dei suo disegni e dei messaggi politici che contengono. di Asteropi Lazaridou (BHMA sabato 25 aprile 2006)

Political Comics ad Atene

 

Political Comics 27 marzo - 12 aprile, Libreria

di Babel - spazio espositivo, inaugurazione 27 marzo 2006,

Babel Lontou 1 - Atene

Political Comics 2006

Archivio completo 2006 qui

Political Comics | Bedeteca de Lisboa, 2006


Al voto al voto, 2006

Serigrafia realizzata con Mike Goes West a Lisbona

Political Comics | Crew Hassan, Lisbona, 2006

Channeldraw, Pancevo (Serbia), 2008

Channeldraw, Sarajevo, 2008

Romania National University of Arts, Bucharest

Channeldraw al C.S.O. Folletto25603, 2009

Lazarides Gallery, Londra, 2009

Sangue in algeria a Komikazen 2009

Al Festival Komikazen all'interno della mostra All'ombra di Peter Pan viene riproposta la serie Sangue in Algeria, in mostra con Dave McKean, Peter Kuper e Paolo Bacilieri.

Boomfest, San Pietroburgo, 2009

SUBject, Bologna, 2009

C.S.O. Bruno, Trento, 2009

Daily Iraq, 2009

Promemoria di una rivolta grafica, 2009

Political Comics, Buenos Aires, 2011

Where Is My Vote?, New York e Boston, 2010

Alcuni disegni realizzati a Le Murate di Firenze, 2010


In collaborazione con la rivista FFF Firenze Fast Forward è stata organizzata una mia performace dal vivo al Centro Arte Contemporanea Le Murate a Firenze.

La rivista artpress pubblica un mio lavoro War Pollution in Palestine in occasione dell'esposizione allo stand della Galleria Miomiao al Salon du dessin contemporain al Carrousel du Louvre a Parigi.

La casa editrice GIUDA edizioni pubblica un albo contenente la serie G8NOVA con un breve testo di Elettra Stamboulis. I racconti verranno utilizzati per illustrare il racconto di Marco Philopat Roma K.O. Genova 2010 pubblicato sul sito web Piovono Pietre.

War Pollution in Palestine, Louvre, Parigi, 2010


La storia di Cheikh Mansour e altre mitolgie del Caucaso scritta da Elettra Stamboulis viene pubblicata su Le monde Diplomatique in collaborazione con Homecooking Books in Francia.

In compagnia di M. Vandermueulen, Grégory Jarry,  Juhyun Choi, Lisa Mandel, Fabrice Neaud, Victor Gurrey, Joe Dog, Jochen Gerner, Mazen Kerbay, Joanna Hellgren, Madmeg, Morvandiau, Maximillien Le Roy.

In Italia verrà pubblicata lo stesso anno dalla rivista Animals, Coniglio Editore.

G8NOVA Hier Stehe Ich – Ich Kann Nicht Anders

È una necropoli politica e poetica su carta, la cartografia del movimento anarchico con sfondo il cimitero di Genova.



Nel 2010 inizia la collaborazione  con la rivista greca MOV, dove viene pubblicata la storia 8km La storia di Zaher, la storia viene anche pubblicato sul portale francese CafèBabel. La storia su Giuseppe di Vittorio viene pubblicata su Mamma! e alcune illustrazioni vengono pubblicate sulla rivista Loop.

 

All'interno del Festival Bilbolbul di Bologna presento insieme Elettra Stamboulis l'artista Shirin Neshat all'anteprima del film Donne senza uomini alla Cineteca di Bologna.

 

L'immagine OBAMA Middle East Speech viene esposta alla Biennale di Venezia al Padiglione Torino al Palazzo delle Esposizioni Sala Nervi a Torino.

Il lavoro Station viene esposto al Saifi Urban Gardens di Beirut all'interno del progetto Doppio Senso/Tarik Mouzdawej, per l'occasione realizzato alcuni disegni a quattro mani con il disegnatore Barrack Rima.

 

Alla Galleria CC de Werft a Geel in Belgio, partecipo alla collettiva A Paper Trail werken op papier curata da Annelies Nagels e Hélène Vandenberghe in mostra con: Fred Bervoets, Joseph Beuys, Michaël Borremans, Sofia Boubolis, Marcel Broodthaers, Troels Carlsen, Martha Colburn, Gianluca Constantini, Marcel Dzama, Jan Fabre, Kim Gordon, Céline Guichard, Keith Haring, Kati Heck, Herman Kamphuis, Gideon Kiefer, Johan Kleinjan, Jacques Lizène, Capitaine Lonchamps, Jonathan Meese, Benjamin Monti, Adam Nidzgorski, Panamarenko, Dieter Roth, Kurt Ryslavy, Nedko Solakov, Solichin, Toon Tersas, Dennis Tyfus, Anne-Mie Van Kerckhoven, Philippe Vandenberg.

Con Shirin Neshat, Bologna, 2010


Le immagini di La storia di Cheikh Mansour e altre mitolgie del Caucaso vengono esposte al Chic Dessins a Parigi con Galleria Miomiao e al Festival Périscopage al Orangerie du Thabor di Rennes.


Nel 2011 incomincia la mia collaborazione con la casa editrice BeccoGiallo, con cui pubblico la graphic novel Julian Assange Dall'etica Hacker a Wikileaks scritta da Dario Morgante. Il libro è disponibile su Amazon e altri rivenditori online. Ha ricevuto moltissime recensioni tra cui quelle di: Andrea Fanti, A. Beretta, D. Carmignani, Massimo Galletti, Luca Raffaelli, Francesco Mascagni, P. G. Cardone, R.A. Appetiti. Puoi guardare anche il Book Trailer. E' un progettto di lettura su Twitter #AssangeWikileaks. E' stato presentato al Festival del Giornalismo di Perugia link.

 

Vengono allestite varie mostre su questo libro tra le quali vorrei ricordare quella alla Galleria La Subbia di Pietrasanta al Festival DOCartoon, a Palazzo Sforza di Cotignola.

Una anteprima del libro su Julian Assange viene pubblicata sulla rivista di Emergency E il mensile, mentre su Internazionale viene pubblicata Cartoline da Beirut.

Station, 2011

Périscopage, Rennes, 2011

Julian Assange, Pietrasanta, 2011

We Will Not Stay in Silence, Specchia, 2011

Viene organizzata una mostra di Political Comics dal titolo We Will Not Stay in Silence al Festival del Cinema del reale di Specchia.



Political Comics arriva anche a Monaco al Rationaltheater, con la mostra Comicunderground e torna a Buenos Aires per la collettiva La Guerra al Museo De Humor Grafico Diogenes Taborda.

 

Si parla di Political Comics anche su La lettura l'allegato del Corriere della Sera grazie ad Andrea Fanti.

 

Nel 2012 il primo capitolo di Julian Assange dall'etica hacker a Wikileaks viene pubblicata sul numero 43 di World War 3 Illustrated negli Stati Uniti. Inizia anche una collaborazione con la rivista di Milano L'Antitempo.

Al Festival del Giornalismo di Perugia viene organizzato un incontro sul libro di Julian Assange con Dario Morgante e il giornalista scrittore Giovanni Ziccardi.

 

Nel 2012 inizia la collaborazione con il sito di informazione ilPost diretto da Luca Sofri,realizzando storie a fumetti su: Le elezioni in Senegal, Hamas, Yemen, Rossella Urru, la nuova era del Senegal, Vittorio Arrigoni, lo sciopero della fame di al-Khawaja, il golpe in Guinea Bissau, Mahmound Shokraye, Hasan al-Banna, Boko Haram...

 

Nel 2013 viene organizzata forse la mostra più grande su Political Comics, curata da Chiara Ronchini e dal titolo Mangiare sandwich di realtà. La mostra è composta da un'istallazione molto complessa al Caos Centro Arti Opificio Siri di Terni.

 

In occasione del Festival di Internazionale a Ferrara, è stata organizzata una giornata dal titolo Sussurri e grida nella democrazia digitale, allo spazio Zuni Arte. E' stato realizzato un workshop con gli studenti del Liceo Artistico e dell'Accademia di Belle Arti di Bologna e sono stati organizzati vari incontri sull'etica hacker e sulla sicurezza nell'informazione in rete con Antonino Caffo, Alessandro Bottoni, Paolo Holzi, U10 (Michele Aquila e Valeria di Rosa), Elettra Stamboulis, Matteo Stefanelli. Nello spazio era stata allestita anche una mostra sul libro edito da BeccoGiallo Julian Assange Dall'etica Hacker a Wikileaks.

 

Come appoggio alla lotta degli autocostruttori di Filetto nasce l'azione/mostra Disegnare la nostra casa al Cantiero di Filetto in provincia di Ravenna.

 

E' un periodo di importanti riconoscimenti al lavoro di Political Comics il 9 maggio esce un articolo su l'Unità di Renato Pallavicini dal titolo Costantini: fumetto politica e bellezza, mentre su Panorama.it un articolo sul progetto Twitter/Assange scritto da Nicola d'Agostino La prima Twitter Fiction illustrata, sul Mucchio Selvaggio un lungo articoli/intervista di Andrea Provinciali dal titolo Fumetto e impegno politico.

 

Il 9 luglio spiego l'utilizzo e la storia della maschera di V for Vendetta ispirata a Guy Fawkes al programma il "Foglio volante" curato da Enrico Bianda su RSI Radio Televiosione svizzera. Ascolta

 

Nel 2013 esce in Spagna per la casa editrice Luces de Gàlibo il libro Julian Assange. De la ética hacelr a WikiLeaks, mentre alcune illustrazioni della serie OccupyGezi escono sulla rivista teedesca Wendepunk.t Zeitschrift für eine Neue Zeit. 

 

Sulla rivista Internazionale esce il fumetto Cartoline dalla Tunisia, sull'omicidio diChokri Belaïd.

Mangiare sandwich di realtà, Terni, 2013

il Post, 2012 / 2014

Workshop Sussurri e grida, Ferrara, 2013

Cantiere di Filetto, 2013


A La Triennale di Milano  all'interno della mostra Milano&oltre una visione in movimento, viene organizzata una tavola rotonda organizzata da
www.connectingcultures.info

 

Storie instabili - Ragionamenti inediti sul valore creativo dell'instabilità Incontro a cura di Filippo Romano e Antonio Ottomanelli. Al tavolo con: Gaetano Berni liveinslum, Gianluca Costantini Political Comics | Giuda Edizioni, Massimo Dorini educatore | i sommozzatori della terra, Roberto Francavilla Lusofonista | Prof. Associato Università degli studi di Genova, Marinella Scalvi Sociologa.

 

Nel 2014 sono stato invitato dal DOX Centre for Contemporary Art
Poupětova 1, Prague 7 (Czech)  www.dox.cz a partecipare alla mostra collettiva The Poster in the Clash of Ideologies 1914 – 2014 e al Festival Human Right Nights alla Cineteca di Bologna.

 

Per il Festival del Giornalismo di Perugia realizzo il progetto Portraits of journalists, una mappatura del giornalismo internazionale attraverso il disegno.

Festival Human Right Nights, Bologna, 2014

Portraits of journalists, Perugia, 2014

Per vedere tutti i ritratti clicca qui

OccupyGezi, 2013/2014


Political Comics collabora con: Four for Africa, Risha Project (Egitto), Ponte Radio, Place of War (Inghilterra), Fratelli dell'uomo, Drawing the Court (Russia), Greenpeace (Canada), World War 3 Illustrated (USA), Internazionale, La lettura, Graffiti76% Quadrinhos (Brasile), Le Monde Diplomatique (Francia), Slow Food, Terre di Mezzo, MOV Magazine (Grecia), Wendepunk (Germania), RSI Rete Due (Svizzera), CafèBabel (Francia), Il post, Voci Globali, Global Voices (USA), Trasparenza e legalità, ToonPool, Vidas de Papel (Spagna).

Ultime serie realizzate



News


Cartoline da Norik'sk su Internazionale


Internazionale 29 agosto / 4 settembre 2014 . N. 1066 . Anno 21
Settimanale diretto da Giovanni De Mauro . www.internazionale.it


0 Comments

Resolvé tu identidad ahora - Lionel Messi

 

La selezione Argentina supporta la campagna per la ricerca dell'identità delle Abuelas de Plaza de Mayo per la ricerca dei loro nipoti sequestrati durante la dittatura e affidati ai militari.  A distanza di 30 anni oggi sono stati recuperati 110 nipoti, grazie alla lotta delle nonne de Plaza de Mayo. Sono ancora tanti i nipoti che le nonne stanno cercando, in Argentina, ma anche in Italia.
Oggi Mascherano, Lavezzi e Messi hanno voluto accompagnare la lotta di memoria e giustizia delle Abuelas e dei nipoti ritrovati in un’Argentina impegnata nella ricerca della verità del proprio passato traumatico girando un spot per incoraggiare chi ha dei dubbi sulla propria identità ad avvicinarsi alle nonne e farsi la prova del DNA.  Gabriele Andreozzi

 

A ottobre faremo una campagna crowdfunding insieme a Elettra, Gabriele, Lorenzo e David per la realizzazione di un fumetto sulla storia dell'argentina incentrato proprio sulla ricerca dell'identità di uno dei 110 nipoti ritrovati dalle Abuelas de Plaza de Mayo.


0 Comments

Write a comment

Comments: 0

Archivio | Random


Per ricevere articoli, news vie e-mail sul mio lavoro puoi scrivermi qui: email | Facebook | Twitter