Gianluca Costantini su Radio3Mondo

Il 25 settembre si è tenuto il referendum sull’indipendenza del Kurdistan iracheno dall’Iraq. Si tratta di “un passo verso un futuro migliore”, ha detto il ministro degli Esteri curdo, Falah Mustafa, da poco rientrato da New York dove ha partecipato ai lavori dell'Assemblea Generale dell'Onu.

 

Il referendum in questione non è una richiesta politica ma un’istanza popolare che rappresenta un’opportunità di dialogo e di comunicazione con Baghdad, ha ribadito inoltre Mustafa.  Dal canto loro il parlamento iracheno e il primo ministro Haider al Abadi hanno definito il referendum un’azione illegale che ha come obiettivo la secessione. L’ex premier Nuri al Maliki ritiene che il referendum sia un primo passo verso la creazione di un altro Israele nel nord dell’Iraq. Oltre all’Iraq anche la Turchiaminaccia serie conseguenze nei rapporti con il Kurdistan iracheno, mentre l’Iran teme a sua volta che il voto possa galvanizzare le minoranze curde che vivono sul suo territorio. 

 

Martedì 26 settembre alle 11.00 Luigi Spinola ne parla con Amedeo Ricucci, inviato speciale del TG1 a Kirkuk.

 

E poi, con Gianluca Costantini, graphic journalist, parleremo del suo nuovo libro Fedele alla linea. Il Mondo raccontato dal Graphic Journalism (ed. Becco Giallo, 2017).

 

Per ascoltare la trasmissione: Link