UnderPersepolis

 

Underpersepolis

un video di inguine.net

 

Video realizzato in occasione della mostra "il velo di maja Marjane Satrapi o dell'ironia dell'Iran" dedicata a Marjane Satrapi, Ravenna dal 3 ottobre 2 novembre 2003. Catalogo

 

Realizzato da Gianluca Costantini, Paper Resistance, Marco Lobietti.

 

Autori che hanno partecipato al progetto sono: Andrea Accardi, Sara Colaone, Maurizio Ribichini, Andrea Bruno, Massimo Semerano, Gianluca Costantini, Aleksandar Zograf, Stefano Zattera, Paper Resistance, Squaz.



1. IL FOULARD (Sara Colaone)
"per proteggere le donne da tutti i potenziali stupratori il velo diventò obbligatorio" "i capelli delle donne contengono dei raggi che eccitano gli uomini. le donne devono nasconderli. se girare a capo scoperto è civiltà allora gli animali sono più civili di noi"
"fantastico allora tutti gli uomini sarebbero maniaci sessuali!" "certo come loro"
Vol 2 . pag 7 (in fondo) 

2. LA BICICLETTA / LA RIVOLUZIONE (Maurizio Ribichini)
"La rivoluzione è come una bicicletta. quando le ruote non girano più finisce per cadere. quella fu la rivoluzione nel mio paese"
Vol 1 pag 17 

3. IL VENERDI NERO (Andrea Bruno)
"eravamo scese in piazza il giorno in cui non si doveva: "il venerdi nero". quel giorno c'erano stati cosi tanti morti in un altro quartirere della città che correva voce che i responsabili della carneficina fossero i soldati israeliani" "ma in realtà erano i nostri che ce le avevano date". Vol 1. pag 51 

4. LA GUERRA IRAN-IRAQ (Massimo Semeraro)
"e fu cosi che mi ritrovai senza alcun punto di riferimento... come poteva andare peggio?" "marji corri in cantina! ci bombardano!!!" "era scoppiata la guerra".
Vol 1 pag 88

5. L'ABBIGLIAMENTO DIVENNE CRITERIO IDEOLOGICO (Gianluca Costantini)
"ben presto l'abbigliamento divenne un criterio ideologico. c'erano due tipi di donna: la donna integralista vs la donna moderna (che mostrava l'opposizione al regime lasciando fuori qualche ciocca di capelli" "c'erano due tipi di uomo: l'uomo integralista: barba + camicia fuori dai pantaloni vs l'uomo progressista: rasato con o senza baffi, camicia dentro i pantaloni" "in islam è deprecabile radersi"
Vol 2 pag 8

6. LA PARTENZA / ESILIO / RIFUGIATI (Stefano Zattera)
"preferiamo saperti lontana ma felice, piuttosto che vicina ma infelice e data la situazione il tuo carattere si esprimera meglio laggiu" a quel punto comincia ad avere dei dubbi perchè parlarmi cosi, se avevano intenzione di raggiungermi? " ti adoriamo!!!"
non dimenticare mai chi sei!!!" [...] "presto ora devi partire. non dimenticare mai chi sei e da dove vieni"
Vol 2 pag 98

7. UNA SCHIZZATA , UN PUNK DUE ORFANI E UNA TERZOMONDISTA (Paper Resistance)
Vol 3 pag 18

8. LA FESTA (Squaz)
"neanche la festa era come l'immaginavo. a casa mia alle feste tutti ballavano e mangiavano, a vienna la gente preferiva sdraiarsi e fumare" "e poi ero disturbata da tutta quell'attività sessuale in pubblico. che volete venivo da un paese tradizionalista".
vol 3 pag 38

9. BAKUNIN (Aleksandar Zograf)
"Se all'inizio del secolo gli anarchici avessero vinto non si lavorerebbe proprio piu'! l'uomo non è fatto per lavorare" "dai rilassati approfittane e fatti una cultura. on conosci neanche bakunin!" "stronzo!!!"
vol 3 pag 25